Come deradicalizzare chi vuole far fuori Renzi in nome degli ideali religiosi della sinistra sinistra

Cosa ricordare ai Bersani, agli Speranza, ai D'Alema del loro passato per colmare la distanza ideologica dall'ex presidente del Consiglio. Un esperimento

Come deradicalizzare chi vuole far fuori Renzi in nome degli ideali religiosi della sinistra sinistra

Guglielmo Epifani tra Pier Luigi Bersani e Massimo D'Alema (foto LaPresse)

In Francia la deradicalizzazione dei jhadisti e mezzi jihadisti è fallita. Lo certifica un rapporto del Senato. Per tre anni legioni di psicologi, sociologi e islamologi – definiti spietatamente dal Figaro una “clientela comunitarista” – si sono provati a spiegare ai ceffi patibolari delle periferie e delle carceri e del mondo web che l’islam è religione di pace, ma senza risultati apprezzabili. Tutti abbiamo l’impressione che l’islam nutra una storica inimicizia per Europa e occidente, consolidata nei secoli e in fase di pericolosa reviviscenza, ma siccome il nemico va evangelicamente amato e laicamente rispettato, mica siamo trumpette, tendiamo a escludere che sia una malattia, sia in senso patologico sia in senso sociale. E’ probabilmente una religione di conquista del mondo infedele che inoltre ha problemi con la modernità, come li abbiamo noi: ma il modo di risolverli è diverso, il loro prevede la spada. Rispondere con lo psicologo è altamente sconsigliabile.

 

E se provassimo invece a deradicalizzare i guerrasantieri che vogliono farsi Renzi in nome degli ideali religiosi della sinistra sinistra? Ecco, qui l’esercizio psicologico può trovare terreno fertile, e non c’è nemmeno bisogno dello stato culturale e pedagogico, basta un corsivo scherzoso. Renzi è anaffettivo, come ha certificato un Emiliano bisognoso di carezze davanti a un bel piatto di cozze pelose. Ma nei laboratori della derad (i francesi adorano i diminutivi chic) si potrebbe ricordare a Bersani che la sua vecchia passione affettiva e liberalizzatrice di quand’era ministro di Prodi, riforme così sensuali e intime che furono chiamate lenzuolate, produsse le parafarmacie, cosa nobile, ma non i parataxi, che sarebbe cosa utile in epoca in cui una app chiamata Blablacar o blablatraveling consente di spostarsi con l’autostop online, e comunque l’articolo 18 è appena più rilevante per il lavoro dell’espansione del mercato libero dei cosmetici e dell’aspirina. Gli si potrebbe anche ricordare che non si lascia una ditta, come dice lui, perché “con Renzi non mi sono mai preso, fin dal primo momento”, visto che cronaca politica e faccende coniugali sono elementi distinti e da distinguere, sennò la famosa “ditta” diventa una banale sindrome d’insicurezza in cui si cerca il ruolo perduto del pater familias. Al giovane jihadista basilisco, Roberto Speranza, va esposta con dolcezza la conseguenza negativa del rancore rimosso: si può perdere la carica di capogruppo dei dem senza prendersi per un giovane Bordiga al Congresso di Livorno del 1921.

 

E a D’Alema, celebre osso duro e baffo di ferro? Semplice. Bisogna fargli rivedere il filmato ineffabile di quando in un palco di teatro cantava “all you need is love” accanto a Tony Blair e Bill Clinton, chiedendo alle iene dattilografe di mettere in giro la voce che era nato l’Ulivo mondiale, e ricordargli che una volta era per la terza via di Anthony Giddens (che due palle) e fingeva il pugno duro con Sergio Cofferati promettendo, senza venire al dunque, di passare dalla guerra del Kosovo alla riforma market oriented delle pensioni, riformismo duro e puro, “parola malata” come disse il Coffy. Certi narcisismi si curano con la rappresentazione del passato, il passato dei narcisisti, dico. E così si può sperare in una deradicalizzazione della scissione jihadista senza nemmeno dover combattere sotto le mura di Vienna e nei mari di Lepanto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    23 Febbraio 2017 - 18:06

    De-radicalizzarsi sarebbe un po' morire. Non expedit. Specie se il non deradicalizzarsi, paga ancora. Magari ci potremo chiedere perché paghi aqcora. Già, perché?

    Report

    Rispondi

    • mauro

      24 Febbraio 2017 - 10:10

      Perchè. caro Moreno, permette di piantare palme e banani in piazza Duomo, a Milano. Non immagini la goduria per un simile progresso?

      Report

      Rispondi

  • gesmat@tiscali.it

    gesmat

    23 Febbraio 2017 - 10:10

    Io so solo che Bersani imperante, col beneplacito dei comunisti sardi, il glorioso Banco di Sardegna fu gentilmente donato alla Banca Popoloare dell'Emilia Romagna, in cambio di un voluminoso pacco di carta straccia. Ma vogliamo parlare di tutte le malefatte e degli alti tradimenti del partito comunista italiano, nei suoi vari travestimenti, dal 1921 ad oggi? E a qualche coccodrillo scende pure la lacrimuccia. Spudorati ed impuniti!

    Report

    Rispondi

  • gaetano.tursi@virgilio.it

    gaetano.tursi

    23 Febbraio 2017 - 10:10

    Per de-radicalizzare la “sinistra sinistra” (ce ne sono altre?) temo che la sempre brillante vena ironica dell’Emerito non serva. Charlie Hebdo ci ha insegnato che - al contrario - nell’attuale contesto di delirio pol. cor. , l’ironia si rovescia su chi la fa sotto forma di auto-censura collettiva. Ma siamo messi male anche dal lato opposto a quello ironico: non sarà sfuggito che il 7 febbraio la senatrice Gambaro, in pieno furore anti-fake (furore condiviso tanto dalla sinistra sinistra che dalla sinistra e basta), ha presentato un bel DDL sull’ ”hate speech”: quello che può censurare come penalmente rilevante ogni forma di non conformità al mainstream (please, look at France)… E quando anche l’obiezione di coscienza dovesse diventare “socialmente dannosa” (altri DDL in forno?) non ci sarà spazio neppure per “combattere sotto le mura di Vienna e nei mari di Lepanto”: semplicemente perché non ci saranno più né mura che mari. Altro che Derad.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    23 Febbraio 2017 - 08:08

    Scherzoso e gustoso. Ma alla sinistra sinistra, come si sa, piace poco ridere. E pure sorridere, a ricordar i loro volti sempre cupi ed accigliati nel comunicarci che il momento e' eternamente grave e la situazione e' perennemente difficile. Fuor di ironia, a proposito delle troppo lodate lenzuolate del piacentino Bersani forse sarebbe il caso di di ricordare che della liberalizzazione delle parafarmacie i numeri sono li' a dimostrare abbiano approfittato e goduto soprattutto le coop rosse di radici emiliane. Non

    Report

    Rispondi

Servizi