Roma in ostaggio del dr. Gribbels

Dopo il No alle Olimpiadi e allo stadio Grillo pretende il riscatto

Roma in ostaggio del dr. Gribbles

Beppe Grillo (foto LaPresse)

Lo stadio non si fa, anzi si fa, macché, si fa ma più piccolo. Alla fine, come per ogni cosa a Roma e nel M5s, ha deciso Beppe Grillo: si fa, ma da un’altra parte. Dove? Non si sa. Dopo aver bocciato lo stadio di Tor di Valle – un investimento da un miliardo e mezzo di euro di soldi privati, di cui un terzo destinato a opere pubbliche – il ragionier Grillo Giuseppe espone sul Sacro Blog il suo...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    25 Febbraio 2017 - 15:03

    noi oggi vecchietti e romani qualche volta andavamo all'Ambra Jovinelli e il clou era la scena 'telado-nontelado. il sindaco di Roma Grillo (by Cruciani) ha assegnato la parte stadio-sì/stadio-no al sua attrice di maggior talento Raggi sua portavoce in Campidoglio. i media subito si sono gettati su l'Evento. soch regà quasi uno sgub

    Report

    Rispondi

  • DBartalesi

    24 Febbraio 2017 - 17:05

    Gribbels? Troppa grazia. Il nostro Joseph non è neppure "luciferino". Semmai, anche nei tratti, ricorda la mirabile caricatura di Nerone fatta da Petrolini. Mutatis mutandis, un cialtrone. (Daniele Bartalesi)

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    24 Febbraio 2017 - 14:02

    Ma non gli serve, l'elicottero. Può andarsene col malloppo anche a piedi, che con gli elettori che si ritrova può cornificarli e mazziarli tre volte al giorno senza che se na accorgano per i prossimi cento anni.

    Report

    Rispondi

Servizi