Un urlo contro i campioni della paralisi

I tassisti indemoniati e gli ambulanti indignati giocano a bloccare il paese e mostrano il volto di una accozzaglia illiberale guidata dai grillini e da vari cialtroni. Perché è il momento di un grande manifesto anti immobilismo

Un urlo contro i campioni della paralisi

La protesta dei tassisti davanti al ministero dei Trasporti a via Nomentana (Foto LaPresse)

C’è un’Italia incredula, e purtroppo senza voce, che in queste ore osserva le folli notizie che negli ultimi giorni arrivano da Roma e che sogna disperatamente di trovare un politico capace di mettere insieme alcune verità elementari che non riguardano solo lo sciopero violento dei tassisti o le rumorose proteste degli ambulanti della Capitale, ma che toccano direttamente la cultura riformista del nostro paese. E così, mentre un ceto politico confuso e litigioso discute infinitamente del proprio ombelico per cercare differenze sufficienti per giustificare una scissione, a Roma scende in campo un vero partito della nazione, che va dal Movimento 5 stelle e arriva fino alla Sinistra italiana passando per la Lega nord, i Fratelli d’Italia e pezzi di Forza Italia, che in poche ore ha trasformato lo sciopero illiberale e forse illegale dei tassisti romani in un manifesto politico, sostenuto non a caso da tutti coloro che oggi, a vario titolo, possono rivendicare l’iscrizione al partito della paralisi.

 

La storia dello sciopero dei tassisti è lo specchio perfetto di un’Italia immobile che sogna di diventare maggioranza del paese e che combatte a viso aperto contro la globalizzazione, contro le liberalizzazioni, contro la concorrenza, contro la cultura del rischio, contro l’Europa, contro l’apertura dei mercati e che di riflesso difende a spada tratta, solo per ricavarne un qualche consenso, le rendite di posizione, le corporazioni, i sindacati, le bancarelle, gli ambulanti, i piccoli gruppi di interesse. Non è un caso che alla testa dell’Italia immobile – ieri in piazza con i tassisti c’era il sindaco Virginia Raggi – ci sia un movimento che ha fatto della cultura del No la sua arma di distrazione di massa: il no alla possibilità che il servizio pubblico locale possa migliorare grazie a una micro apertura dei mercati, che nel caso specifico significherebbe non rendere impossibile la vita a Uber, è lo stesso no urlato contro le Olimpiadi a Roma.

 

Sono due facce della stessa medaglia, di uno stesso principio che vede nell’immobilismo il modo migliore per combattere il malaffare, nel moralismo il miglior modo per combattere la corruzione e che vede nella negazione della concorrenza il modo migliore per spacciare la difesa di uno status quo per una lotta contro le diseguaglianze generate dall’apertura dei mercati. Il problema è che il partito dell’altra nazione ha una voce forte e tonante, e insieme riesce persino a trionfare nei referendum, mentre il partito del non immobilismo è timido, rassegnato, non pugnace e non riesce a dire con forza le cose come stanno, contrapponendo alla post verità l’unica arma possibile per imporre un principio della verità, ovvero i fatti.

 

Nessuno che dica con chiarezza che chi fiancheggia i tassisti che bloccano illegalmente una città non porta solo acqua al mulino degli scioperanti, ma fa il gioco di quella classe politica cialtrona che sogna di rinchiudere il paese nel perimetro asfissiante imposto dai teorici del partito della chiusura. Nessuno che dica con chiarezza che aprire i mercati e favorire la concorrenza non è un capriccio neoliberista ma un modo per generare efficienza, far crescere un paese, modernizzare i settori, sconfiggere i professionisti della rendita e offrire ai clienti e, dunque anche agli elettori, servizi migliori e a un prezzo più basso. Nessuno infine che dica con chiarezza una verità difficile da urlare, ma allo stesso tempo complicata da negare: chiudere il mercato del trasporto pubblico locale rifiutandosi di rilasciare nuove licenze e impedendo alla concorrenza di operare come potrebbe, solo per difendere un diritto acquisito, significa riconoscere l’incompatibilità del nostro sistema economico con la cultura di impresa, che prevede la possibilità che un investimento, come per esempio è l’acquisto di una licenza, possa andare bene ma possa andare anche male. E chiedere la tutela di un investimento a rischio come può essere la licenza di un taxi soltanto perché qualcuno ha inventato un sistema che offre al cliente lo stesso servizio a un costo più basso e senza l’obbligo di dover acquisire una licenza è come voler imporre una tassa sulle e-mail per risarcire i produttori di fax – il tutto utilizzando sempre il solito trucco, confondendo cioè la parola “investitore” con la parola “risparmiatore”.

 

L’Italia che ha scelto di presidiare il campo illiberale della chiusura e dell’immobilismo come nuovo e incomprensibile surrogato del riformismo è chiara, e ieri a Roma ha avuto il merito di mettersi in mostra. Dall’altra parte però c’è un’Italia incredula, come noi, che in queste ore sta osservando le notizie che arrivano da Roma e che si chiede quanto tempo ci vorrà per avere di fronte ai nostri occhi un politico coraggioso, capace di sfidare i grandi conservatorismi italiani e fare in piccolo ciò che fece in grande Margaret Thatcher nel 1984 con i famosi minatori britannici: affermare le proprie ragioni sfidando sino allo sfinimento i professionisti della paralisi. Forse è arrivato il momento, no?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    22 Febbraio 2017 - 14:02

    Aj Al direttore . Il principio di realtà ha in uggia l’ipocrisia. ll nodo è nativo e le arruffate divagazioni semantiche attuali lo confermano. Il lemma “sinistra” ha in sé due “procedure” opposte per conquistare il potere: quella della rivoluzione proletaria e quella affermatasi a Bad Godesberg. Il nucleo intellettuale, massimalista, sindacalista della nostra sinistra non ha mai accettato Bad Godesberg: rinnegava i sacri testi e, rendite di posizione in essere. Questo ha innescato una perenne lotta interna che nessuna opportunistica scissione potrà sanare. In Germania la Linke è un partito a sé, opposto alla SPD, da noi la Linke è dentro il Pd. Afferrate la differenza? Poi ... la pagnotta

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    22 Febbraio 2017 - 13:01

    Prova generale del partito della chiusura: 5 stelle piu' lega, fratelli d'Italia, i più scalmanati di FI ed un pizzico di violenza a cura di forza nuova. Un caos che non riuscirà a distruggere uber perche', ci piaccia o no, rappresenta il futuro.

    Report

    Rispondi

    • wind_2013

      22 Febbraio 2017 - 19:07

      PARTITO DELLA CHIUSURA: l'Italia del 4 dicembre. Ole'

      Report

      Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    22 Febbraio 2017 - 11:11

    Direttore, ma cos' era un "manifesto" della mobilità quello nella furtiva manina, tutt'altro che paralitica, della signora, onorevola di tutte le stagioni voluta da Renzi, che in tarda ora ha introdotto l'emendamento: l'impatto sugli ambulanti è vergognoso e possibile forse in Egitto (mi ricorda una tragedia), mentre quello sui tassisti da tempo andava risolto in relazione con gli impatti tecnologici nei servizi (globalizzazione, questa sconosciuta l'ex presidente è rimasto "al gettone telefonico..."): l'Italia si stà scaldando e il Nostro provinciale va a ossigenarsi con le applets in California. Convinto, al ritorno, di continuare a fanfarare; non ha capito, il provinciale "io so io...", che nulla sarà più come prima.

    Report

    Rispondi

  • info

    22 Febbraio 2017 - 10:10

    Non si tratta di immobilismo, lei spende le parole per aggredire e non per ragionare, la gente semplicemente sfoga la rabbia per i problemi lasciati da Renzi e per il vero immobilismo di Gentiloni e Mattarella. Per quanto riguarda i tassisti sono d'accordo alla libera concorrenza ma capisco che a nessuno piace vedersi distruggere il proprio futuro occorre gradualità e comunque un indennizzo ( lo hanno dato ai piloti Alitalia, 7 anni di cassa integrazione! ). Poi la globalizzazione se non governata bene porta disoccupazione, certo a lei non interessa perchè fino ad ora giornalisti indiani a basso costo non si sono visti ma domani chissà, quindi pensi prima di scrivere parole che riempiono la bocca ma che svuotano le tasche. A proposito vada di più nei treni dei pendolari al mattino e forse capirà qualcosa del popolo su di cui scrive, il taxi non lo consiglio potrebbero ricordarsi di questo articolo! Caro amico mio la globalizzazione ha anche questi rischi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi