Il ballottaggio non garantisce la rappresentatività. Le motivazioni della Consulta sull'Italicum

I giudici il 25 gennaio scorso avevano bocciato parzialmente la riforma elettorale voluta dal governo Renzi

Il ballottaggio non garantisce la rappresentatività. Le motivazioni della Consulta sull'Italicum

Foto LaPresse

E' stata depositata dopo le 20 di giovedì la sentenza con cui la Corte Costituzionale spiega perché, il 25 gennaio scorso, sancì la parziale illegittimità dell'Italicum e in particolare il ballottaggio e la libertà di opzione per i capilista eletti in più collegi. Secondo i giudici il primo non garantirebbe la rappresentatività degli elettori, in quanto "la legge elettorale deve garantire maggioranze omogenee tra Camera e Senato", e quindi la Consulta "non può esimersi dal sottolineare che l'esito del referendum ex art. 138 Cost. del 4 dicembre 2016 ha confermato un assetto costituzionale basato sulla parità di posizione e funzioni delle due Camere elettive". E proprio per il manifestarsi di tale contesto, prosegue la Consulta, la Costituzione, "se non impone al legislatore di introdurre, per i due rami del Parlamento, sistemi elettorali identici, tuttavia esige che, al fine di non compromettere il corretto funzionamento della forma di governo  parlamentare, i sistemi adottati, pur se differenti, non devono ostacolare, all'esito delle elezioni, la formazione di maggioranze parlamentari omogenee".

 

LEGGI LA SENTENZA

 

La Consulta, che con la sua decisione aveva di fatto ridotto l'Italicum a un proporzionale con un premio di maggioranza al 40 per cento, aveva allo stesso tempo scritto che "la legge è suscettibile di immediata applicazione", non creando quindi un vuoto normativo sui sistemi elettorali. Se dunque il presidente della Repubblica decidesse di sciogliere le Camere (sulla spinta dei partiti che tifano per il voto) si potrebbe andare a votare immediamente.

La Consulta decide sull'Italicum: bocciato il ballottaggio, salvo il premio di maggioranza

La Corte Costituzionale ha ritenuto illegittime anche le pluricandidature

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    10 Febbraio 2017 - 10:10

    Cioe' i due sistemi elettorali possono essere diversi purche' il risultato sia lo stesso che se fossero identici?

    Report

    Rispondi

  • Cako66

    Cako66

    10 Febbraio 2017 - 07:07

    Così, in massa, abbiamo votato, così, in massa, ce li teniamo!

    Report

    Rispondi

Servizi