Il fantastico mondo di Virginia Raggi: "Non mi dimetto"

Dopo l'interrogatorio di 8 ore davanti ai pm il sindaco prosegue come se nulla fosse: "La polizza di Romeo? Non ne sapevo nulla. Ho la fiducia di Grillo e del Movimento"

Il fantastico mondo di Virginia Raggi: "Non mi dimetto"

Salvatore Romeo con Virginia Raggi (Foto LaPresse)

Sorridente, il cellulare all'orecchio, Virginia Raggi esce di casa e si reca in Campidoglio. Una normale giornata di lavoro nelle ore in cui tutto ciò che si muove attorno al sindaco di Roma sta assumendo contorni decisamente anormali. Addirittura irreali. Eppure lei, dopo aver trascorso 8 ore davanti ai magistrati che l'hanno interrogata nell'inchiesta sulla nomina di Renato Marra (fratello del suo ormai ex braccio destro Raffaele), si comporta come nulla fosse accaduto.

  

Persino la notizia, pubblicata ieri, di una polizza vita a suo nome sottoscritta dal suo ex segretario Salvatore Romeo, non la scalfisce. "La polizza?  - ripete ancora una volta - Non ne sapevo nulla, queste polizze possono essere fatte senza informare il beneficiario, non devono essere controfirmate. Possono essere fatte senza che il beneficiario lo sappia".

 

Raggi si mette a ridere coi magistrati, per i quali non c'è corruzione

Durante l'interrogatorio è apparsa "sinceramente sorpresa" alla vista delle due polizze intestatele con la causale "relazione personale". Salvatore Romeo non sarà ascoltato: non si configurano reati

 

"Raffaele Marra? Mi apriva le porte del Campidoglio, mi spiegava il Comune, aveva una perfetta conoscenza delle norme e dei regolamenti e come funzionava l'organizzazione della macchina amministrativa", sono alcune delle dichiarazioni rese ieri da Raggi ai magistrati della Procura di Roma. La sindaca ha anche precisato che a presentarle Marra (poi arrestato il 16 dicembre scorso per corruzione in concorso con l'imprenditore Sergio Scarpellini) era stato Salvatore Romeo che da militante dei Cinque stelle aveva avuto proprio Marra come capo del suo Dipartimento. L'allora vicesindaco Daniele Frongia, invece, stando al racconto della Raggi, era uno dei consiglieri 'grillini' della prima ora che lei ha conosciuto durante la giunta Marino e con il quale si e' creato e consolidato nel tempo un rapporto di solidarietà umana e politica.

 

Insomma, non è successo niente. Tutto come prima. "Ho la fiducia del Movimento - risponde ai giornalisti che l'attendono sia davanti casa che all'ingresso del Campidoglio - Ho sentito Grillo, mi ha detto che farà polizze per tutti. La sfiducia? Non mi sembra un'ipotesi reale". 

 

Nel frattempo i due astri nascente del Movimento, Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista, tacciono. Pure Beppe Grillo, a parte la telefonata raccontata da Raggi, tace. O meglio, pubblicando sul blog un post sui 97 milioni di euro che un emendamento Pd al decreto banche vorrebbe dare agli organizzatori della Ryder Cup, nasconde tra le righe un apprezzamento per "l'amministrazione coraggiosa" che ha "sfilato" al Coni e a Malagò "la ricca torta delle Olimpiadi". Un complimento certo, ma non proprio una polizza sulla vita di Virginia Raggi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ceva.paola

    03 Febbraio 2017 - 17:05

    Il virus "a mia insaputa" sembra aver contagiato i 5 stelle!!! La candida Virginia aggiunge alla serie di appartamenti e vacanze elargiti a politici di ogni ordine e di alto grado "...a loro insaputa", ora anche le polizze... Onestà-tà-tà...

    Report

    Rispondi

    • marcogianturco

      03 Febbraio 2017 - 22:10

      appunto,appartamenti e vacanze,ma siamo seri...la sindaca di roma e ciò che rappresenta per il movimento a cui "appartiene",quanto è credibile che possa farsi corrompere da una polizza vita?(costa quanto un auto di media cilindrata!!!)e chi non investirebbe quella cifra per denigrare chi si è opposto a interessi milionari come quelli che gravitano intorno alle olimpiadi?...si dia una risposta... Gianturco Marco

      Report

      Rispondi

  • simona.degaetano

    03 Febbraio 2017 - 14:02

    La cosa che più rammarica, qualora dovesse trattarsi di un illecito, è come la Sig.ra Raggi e il Sig. Grillo continuano a beffarsi dei cittadini tutti; non ultimo la battutaccia della Signora circa le polizza che Grillo farebbe a tutti. Esiste, nel caso in cui si dovesse scoprire che non solo sapeva, ma che insieme ai suoi fidi era pure parte attiva dell'evidente illecito, la possibilità per i cittadini romani di costituirsi parte civile contro di lei?

    Report

    Rispondi

    • marcogianturco

      03 Febbraio 2017 - 22:10

      mi permetta di chiederle le sia venuta in mente la stessa domanda con le passate amministrazioni,alemanno,rutelli,marino,e se fosse credo sarebbe interessante sapere in merito a cosa.

      Report

      Rispondi

Servizi