Il "giovane Prodi" tra Bianca Berlinguer e la carica dei 101

L'idea lanciata da Pier Luigi Bersani scatena il totonomi: il Corriere parla dell'ex direttore del Tg3. Ma nel grande caos della minoranza Pd forse non tutti vogliono un altro Professore

Il "giovane Prodi" tra Bianca Berlinguer e la carica dei 101

Romano Prodi e Pier Luigi Bersani in un'immagine di archivio (Foto LaPresse)

"Qualcuno può escludere che in giro ci sia un giovane Prodi?" Pier Luigi Bersani l'ha buttata lì due giorni fa, mentre ribadiva che il Pd del futuro, se vuole rinascere dalle ceneri renziane, deve tornare alla vecchia e cara divisione tra segretario e candidato premier. E se per il primo ruolo l'ex leader sembra puntare su Roberto Speranza (cui ha riservato un entusiastico "lo stimo"), per il secondo ecco spuntare "il giovane Prodi". È bastato evocarlo perché si scatenasse l'inevitabile totonomi. Sul Corriere della Sera, Maria Teresa Meli, indica due dei papabili: l'ex direttore del Tg3, Bianca Berlinguer, e l'ex ministro dei Beni Culturali, Massimo Bray.    

 

Così Bersani lascia Roberto senza Speranza

L'ex segretario non crede che il suo pupillo possa essere l'anti-Renzi: "Lo stimo, ma siamo sicuri che in giro non ci sia un giovane Prodi?"

 

Ma la ricerca del "giovane Prodi" è un esercizio che merita qualche altra considerazione. In questo momento la minoranza pd è quanto di più vasto e variegato possa esistere nel panorama politico. Una vera e propria armata Brancaleone tenuta insieme, per ora, dallo spirito antirenziano. Dalemiani, bersaniani, governatori come Michele Emiliano, lettiani più o meno critici, qualche popolare tendenza Marini. Un insieme di fazioni tutt'altro che omogenee. Tra di loro, racconta la storia ufficiosa del Pd, ci sarebbero anche una parte dei 101 che nell'aprile 2013 fermarono la corsa di Romano Prodi. Quella ufficiale, invece, dice che tra loro ci sono quelli che, lo scorso dicembre, si sono schierati convintamente a sostegno del No al referendum costituzionale. Per la cronaca l'ex presidente del Consiglio e della Commissione Ue ha dichiarato che avrebbe votato sì. Proprio sicuri di volere un "giovane Prodi"?    

 

Calise e Orsina ci spiegano che problema ha Renzi quando dice “sud”

Il curioso paradosso di un grande disintermediatore rimasto finora impigliato nelle leadership locali

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • mario.patrizio

    18 Gennaio 2017 - 18:06

    A volte latente e non ben definita, altre volte è Tutto Tranne Quelli che Odio, la ricerca non si arresta mai, come il viaggio che conduce alle sponde illuminate dal sol dell'avvenire.

    Report

    Rispondi

Servizi