Perché oggi si gioca un pezzo importante del futuro del M5s

Il tribunale di Roma deciderà se ammettere il ricorso presentato da Venerando Monello contro la candidatura del sindaco della Capitale Virginia Raggi

Perché oggi si gioca un pezzo importante del futuro del M5s

Virginia Raggi (foto LaPresse)

Nelle prossime ore il tribunale di Roma deciderà se ammettere il ricorso presentato da Venerando Monello, avvocato esperto di diritto amministrativo iscritto al Pd, contro la candidatura del sindaco della Capitale Virginia Raggi. Ciò che viene contestato al sindaco, come sanno bene i lettori del Foglio, è aver sottoscritto un contratto privato con una società terza (la Casaleggio Associati) che presenterebbe diversi profili di incostituzionalità (articolo 3, articolo 51, articolo 67, articolo 97) e che, complice una clausola che prevede una penale da 150 mila euro in caso di tradimento del contratto, renderebbe di fatto Raggi una dipendente di una società privata.

 

Sul Foglio abbiamo seguito e raccontato i dettagli della vicenda fin dal primo giorno, provando a spiegare come dietro al giudizio che pende sul contratto di Raggi ci sia la vera essenza dell’imbroglio grillino: la democrazia diretta come negazione della democrazia.

Sciogliere il Movimento 5 stelle

Democrazia no grazie. Il caso Raggi svela la truffa legale del blog solo al comando, che rende il Movimento grillino incompatibile con la Costituzione-più-bella-del-mondo

Contro la setta grillina

“Clausole vessatorie” nel codice a 5 stelle firmato dal sindaco di Roma, dice l’avvocato che ha fatto ricorso

Il giusto processo al grillismo

Dietro al giudizio che pende sul contratto di Raggi c’è la vera essenza dell’imbroglio grillino: la democrazia diretta come negazione della democrazia.

Costituzionalisti compatti contro la truffa grillina

Le sanzioni contro chi viola il codice di comportamento del M5s sono contrarie alla Costituzione. In difesa dell'articolo 67 sul vincolo di mandato

La Costituzione violata

Perché il Contratto con penale stipulato da Raggi mostra la truffa costituzionale grillina. Ecco il ricorso che può smascherare il bluff della democrazia diretta

J’accuse contro la truffa grillina

“Non è un problema costituzionale, è un problema di eversione”. Il 5 stelle vìola la Costituzione? Dopo Berlusconi anche Cassese (ex Consulta) concorda con il Foglio e offre una soluzione per non buttare ancora la palla ai giudici 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzolodigiani

    17 Gennaio 2017 - 15:03

    Come mi e' gia' capitato di scrivere, commentando il ricorso dell'avvocato Venerando Brunello, ritengo sia giusto annullare il contratto sottoscritto dalla Raggi, in quanto manifestamente incostituzionale. Sarebbe un grossolano errore invalidare l'elezione della sindaca, per via giudiziaria, in quanto la stessa e' stata votata dalla maggioranza dei romani, magari irresponsabili, ma numerosi.

    Report

    Rispondi

    • carlo schieppati

      17 Gennaio 2017 - 17:05

      Nessuno tocchi la Raggi. Abbiamo da divertirci ancora a lungo.

      Report

      Rispondi

  • Alessandra

    17 Gennaio 2017 - 14:02

    Sono sbigottita nel vedere che il mio Foglio parteggia per l'azione giudiziaria per eliminare un (pericoloso?) concorrente politico .

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    17 Gennaio 2017 - 13:01

    Quella faccia di bronzo di Mentana ieri ha detto che è una vicenda limitata al solo ambito romano. Ma il patto paramafioso sottoscritto con la Casaleggio l'ha sottoscritto solo la Raggi o anche tutti gli altri eletti?

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    17 Gennaio 2017 - 13:01

    A Redazione, inutile girarci intorno con pandette e farisei: qualsiasi decisione possa prendere il tribunale sul ricorso Morello, sarà sempre una decisione "politica". E, non potrebbe essere diversamente. Ne deriva che aumenterà i toni dello scontro tra le parti. Ciascuna delle quali si rifarà, enfatizzerà, i punti a suo favore, sminuendo, riducendo a miseri cavilli quelli non favorevoli. Non possiamo far finta di non sapere, per esempio, che accogliere o rigettare in toto il ricorso Morello non è possibile. Per cui faranno aggio i distinguo e i particolari. Sarà da vedere, cosa praticamente, ne verrà fuori. Emergeranno indizi univoci? A fronte di una decisione di un tribunale della Repubblica, sarebbe logico aspettarseli, ma ... Un amico magistrato mi accenna che sarebbe anche possibile che il tribunale giudicante invocasse "la sua non congrua competenza, nel merito dei quesiti del ricorso". Punto e a capo. Domani è un altro giorno.

    Report

    Rispondi

Servizi