Nessuno schiaffo dell'Europa, Grillo è un cretino politico

Ma fateci il piacere, Fontana e Calabresi, che titolate “Schiaffo dell’Europa a Grillo” come fosse uno scontro d’establishment. Invece è subcultura, un bidone rifilato al popolo bue. Anche per mezzo vostro

Giuliano Ferrara

Email:

ferrara@ilfoglio.it

Beppe Grillo rientra all'Hotel Forum dopo l'incontro con i deputati del M5S

Beppe Grillo rientra all'Hotel Forum dopo l'incontro con i deputati del M5S (foto LaPresse)

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già nostro cliente, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a sinistra. Se non sei abbonato, che aspetti? Abbonati subito.

Scopri tutte le offerte per entrare nel Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • schiepp

    11 Gennaio 2017 - 19:07

    Più che un cretino politico Grillo è un cretino apodittico.

    Report

    Rispondi

  • kmt.rossi

    11 Gennaio 2017 - 18:06

    E' proprio cosi. Grande Ferrara

    Report

    Rispondi

  • fabrizia.lucato

    11 Gennaio 2017 - 16:04

    Non mi stupisco di Grillo, da cui mi aspetto di tutto. Ma Verhofstadt? Verhofstadt? Vabbè che i belgi lo hanno inventato loro, il surrealismo, ma dovrebbe esserci un limite a tutto.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    11 Gennaio 2017 - 14:02

    Ci ritorno sopra per chiarire che Fontana e Calabresi e Travaglio e i Floris d'accatto, fanno il loro mestiere. Al netto d'ogni considerazione, quelle di Ferrara ci stanno tutte e bene, se devi "vendere" non puoi ignorare i tuoi obiettivi: quelli dei giornaloni o giornalini sono tesi a creare, pro domo loro, una diversa classe politica di riferimento. Per far ciò è necessario lisciare il pelo a chi pensi, credi, ti auguri sia quella nuova. Se poi la platea è prevalentemente composta da "ignoranti" nel senso che non hanno gli strumenti critici per capire e ragionare on la propria testa, Fontana, Calabresi, Travaglio diventano ben comprensibili. Intendiamoci, comprendere non significa giustificare, anzi significa, come ben fa Giuliano Ferrara mettere il dito nella piaga. Ma per farlo occorre "comprendere": la platea non può "comprendere". Il piatto è servito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi