Che si fa se indagano la Raggi? Manca poco

Per l'Anac l'assunzione del fratello di Marra è in "conflitto di interessi". Nuovi guai per Raffaele Marra e per il sindaco. L'Autorità anticorruzione adesso trasmetterà gli atti in procura

virginia raggi

Virginia Raggi (foto LaPresse)

Per l'Anticorruzione la nomina di Renato Marra alla direzione Turismo del Campidoglio varata dal fratello Raffaele in qualità di direttore del dipartimento Organizzazione e risorse umane configura un “conflitto di interessi”. Una situazione che “sussiste sia nel caso in cui il dirigente abbia svolto un mero ruolo formale nella procedura, sia nell'eventualità di una sua partecipazione diretta all'attività istruttoria”. La delibera dell'Anac adesso finirà al vaglio della procura della Repubblica presso il tribunale di Roma e della procura regionale della Corte dei conti, che potrebbe anche valutare l'ipotesi di un danno erariale.

 


Così i 5 stelle si preparano allo psicodramma

Voci su uno o più avvisi di garanzia per abuso d’ufficio. Il Movimento pronto a scaricarla. Bocciato anche il bilancio

 

La vicenda solleva altri problemi per l'amministrazione comunale di Virginia Raggi, già alla prese con la bocciatura del bilancio di Roma. Nel testo della delibera si legge che “la situazione di palese conflitto di interessi era conosciuta dal sindaco”. Secondo l'Autorità anticorruzione, in quanto “consapevole del conflitto”, la Raggi “avrebbe dovuto esonerare Raffaele Marra da ogni partecipazione, anche se solo 'meramente pedissequa', all'atto di nomina del fratello Renato”. La procura, a questo punto, potrebbe decidere di agire per abuso d'ufficio nei confronti del fedelissimo del sindaco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    21 Dicembre 2016 - 22:10

    A Redazione: "Che si fa se indagano la Raggi?" A scelta: le tricoteuses?, oppure consumare mille fazzoletti?, annusare dove gira il vento?, brigare con arsenico e vecchi merletti?, levarsi i sassolini dalle scarpe?, affidarsi ai giovani Pd anti Poletti?, riesumare Bertinotti?, rianimare Bersani e la Ditta?, oppure il Cav? consegnare la pratica ai professoroni del No?, una grosse Koalition? , Gioberti e la sua proposta politica di una confederazione tra Stati, cioè Regioni, sotto la guida del Papa capo della Chiesa? chiamare un Papa straniero che viene dall'Oriente?, ecc. Cara Redazione le opzioni sono tante ma al che fare? la risposta spontanea, unanime, è scontata: "Semplice, continuare a fare gli italiani" Un insieme di brave persone furbe e sveglie, anche troppo, intelligenti, ma perennemente incazzate e l'un contro l'altra armate: alla ricerca continua del massimo comun divisore.

    Report

    Rispondi

  • SONOOTTO

    21 Dicembre 2016 - 21:09

    Spero solo che la gente capisca........in che condizioni siamo......e cosa vuol dire democrazia in Italia che vergogna !!!!!! Avanti con coraggio lunga vita al m5stelle ,grazie di esistere.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    21 Dicembre 2016 - 20:08

    Ma, di preciso, qual'è lo statuto dell'Autorità Anticorruzione?

    Report

    Rispondi

  • fabriziocelliforli

    21 Dicembre 2016 - 20:08

    Chiedo scusa; sono un dilettante enigmista solutore. Sottotitolo: nomen omen. Anagrammi onomastici dilettanteschi. Virginia Raggi ---> vagina rigiri Marco Travaglio --> macro volgarità

    Report

    Rispondi

Servizi