I linciatori professionisti da Mani Pulite alla giustizia sommaria

Lì va cercata, diceva Canetti, la matrice dei linciaggi: “La muta vuole una preda: vuole il suo sangue e la sua morte. Si incoraggia abbaiando tutta insieme”

I linciatori professionisti da Mani Pulite alla giustizia sommaria
Cominciò con la lapidazione rituale del cinghiale sotto una grandine di monete, il 30 aprile di ventitré anni fa; ed è finita, la Seconda repubblica, con l’abbattimento della scrofa ferita, nel tripudio del 4 dicembre. Quando una compagine civile si disgrega, dalle sue crepe riaffiora la forma più arcaica di assembramento umano, quella che Elias Canetti chiamava “muta di caccia”. Gli uomini la appresero dai branchi di lupi, capaci di circondare e sbranare un grosso animale; le leggende sui lupi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    16 Dicembre 2016 - 23:11

    Tutti vedono, tutti capiscono perfettamente la situazione anche se tutti muti perchè da Tortora in poi terrorizzati, ma tutti aspettano che il bubbone marcio scoppi perché aumenta!

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    16 Dicembre 2016 - 20:08

    "la fine delle mediazioni nella forma piu' losca". Mah. Da molto tempo si nota che tutta la filiera investigativa é inquinata da un preventivo orientamento ideologico. Si pensi ai filmati della Guardia di Finanza mandati in onda agli esordi di operazioni destinate ad avere ampia risonanza mediatica.Cosa possiamo fare se la stampa continua ad essere asservita a questo potere impazzito che é la magistratura?

    Report

    Rispondi

Servizi