L’alternativa a Renzi per la segreteria del Pd

Chiacchiere, riunioni, ipotesi nella sinistra del Pd. Ecco chi vuole candidare Zingaretti

renzi zingaretti

Matteo Renzi con Nicola Zingaretti (foto LaPresse)

Roma. E se al congresso del Pd si presentasse una vera alternativa a Matteo Renzi, che succederebbe? Può la sinistra interna, oggi divisa in quattro o cinque correnti, riunirsi attorno a un candidato capace di battere l’ex presidente del Consiglio? Forse sì. Ed è un’ipotesi che comincia a prendere forma nei corridoi agitati del partito, nelle telefonate, nel passaparola, nel rullio di tamburelli sotterranei. Cosa, per esempio, fa Nicola Zingaretti, il presidente della regione Lazio, finora defilato e istituzionale? Pare...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    13 Dicembre 2016 - 10:10

    Tutto si riconduce alle primarie ed è li che Renzi sarà Renzi oppure è finita. Zingaretti val bene una messa, serve nei momenti che servono poi, dopo le primarie e dopo le elezioni tutto si ricondurra' alle percentuali di voto di Renzi. Gotor prende tempo perche' non ha nulla nel carniere. Vive di luce riflessa dell'ammucchiata del risultato referendario Bene Zingaretti ma ma senza colpi di testa o identita' credute tali.

    Report

    Rispondi

Servizi