Gentiloni al Colle. Certezze e incognite nella squadra di governo

Il premier al Quirinale per sciogliere la riserva. Ecco i nomi del nuovo esecutivo. Che fine fanno Lotti e Boschi? Qualche ipotesi 

gentiloni

Paolo Gentiloni (foto LaPresse)

(Articolo aggiornato alle 17:30) Girano liste sublimi che sono tutto un destino, uno sferruzzare, un intreccio, un uncinetto di storie in bozzolo, appese a un gesto del polso, il fato. E’ il rodeo dei ministeri, un classico del Far West di Palazzo. Il titolare di List ne ha una in tasca, prendetela per quello che è, un foglietto volante degli allibratori di Montecitorio destinato a confondersi tra i coriandoli. E' stata compulsata più volte da Paolo Gentiloni in un confronto serrato con il partito e naturalmente con il segretario Matteo Renzi. Rispetto all'originale che vi proponiamo qui sotto la variabile più importante è quella della presenza o meno di Maria Elena Boschi e Luca Lotti, le due lance del renzismo.

 

Prima ipotesi: solo uno al governo. Seconda ipotesi, l'all-in di Matteo: tutti e due dentro. Come? Maria Elena, profonda conoscitrice della macchina legislativa di Palazzo Chigi e punto apparentemente irrinunciabile per gli assetti attuali della maggioranza renziana, prenderebbe il comando delle operazioni sul cockpit di sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. E con questo si sistemerebbe la pratica delicata del monitoraggio degli spazi aerei governativi. E il Lotti dove va? Big surprise: dal cilindro di Pontassieve esce il coniglio che non ti aspetti: torna a grande richiesta il ministero rigorosamente senza portafoglio – ma con vigilanza costante – dello Sport. E' un azzardo? Può darsi, ma siamo al tavolo da poker e il cartaro è Renzi. Resta solo un lieve problema: il piatto sul tavolo è gestito dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. 

ecco la lista:

Interni MINNITI

Esteri ALFANO

Economia PADOAN

Giustizia ORLANDO

Difesa PINOTTI

Infrastrutture e Trasporti DELRIO

Sviluppo Economico CALENDA

Istruzione ROSATO

Salute LORENZIN

Funzione Pubblica BRESSA

Rapporti con il Parlamento GUERINI

Lavoro BELLANOVA

Agricoltura ZANETTI

Beni culturali FRANCESCHINI

Famiglia GALLETTI

Ambiente REALACCI

Sport LOTTI

Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri BOSCHI

 

E’ un elenco solubile come una zolletta di zucchero nel caffè, con due sole cose notevoli: Alfano conferma il suo talento poltronistico da Camera. Maria Elena Boschi forse resta, ma anche no.

 

Tutto è sulla carta, che rispetto a quanto avevamo pubblicato stamattina ha già avuto più di un cambiamento (e altri girano nell'aria).  Siamo in un campo circondato dai fili dell’alta tensione. Altra domanda: che fine fa il bravo Martina che perde l’agricoltura in favore del Zanetti in quota Verdini? Secondo la logica (parola grossa) di questa lista il buon Maurizio va al partito dove si libera il posto di Guerini. Andrà così? Non lo sappiamo, questo è un gioco a incastro che cambia ogni mezz’ora, l’unica cosa garantita è l’instabilità e il toto-ministri serve solo a far capire al lettore quanto sia difficile la situazione. Sintesi: Gentiloni ha un problema di “continuismo” renziano. Un po’ va bene, troppo fa danni, niente è impossibile. I nomi sono un fregio, il problema è dipingere il quadro politico più equilibrato. Perché tanta prudenza e nello stesso tempo la tentazione di riconfermare tutta la squadra toscana? Perché il gioco si fa duro: siamo già in campagna elettorale. 

 

 

Continua a leggere List, il taccuino di Mario Sechi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

Servizi