Com'è che il popolo fa cazzate irrazionali

Un esperimento: decisioni da prendere in cinque secondi. Brexit, Trump, Rexit, aveva già spiegato tutto una fatale coppia di scienziati.

Le dimissioni di Matteo Renzi

Matteo Renzi annuncia le sue dimissioni la sera della sconfitta al referendum (foto LaPresse)

Michael Lewis è un saggista brillante di 55 anni che vive a Berkeley, non lontano da Michele Masneri che dovrebbe precipitarsi a parlargli, e ha appena pubblicato un libro su Amos Tversky (morto nel 1996) e Daniel Kahneman (gran vecchio, premio Nobel). Secondo Gary Silverman del Financial Times, che ha intervistato Lewis, il libro è più o meno, più più che meno, la risposta esatta alla domanda: come è stato possibile che si sia arrivati alla scelta irrazionale di Donald Trump? Naturalmente, almeno per traslazione di significato ovvero metafora, è anche la risposta alla domanda: come è stato possibile votare per la Brexit o per la Renxit?

Secondo Lewis questa coppia straordinaria è come i cow boy di "Brokeback Mountain", solo che ad amarsi e a fondersi sono le loro menti, non i loro corpi. E il risultato della fusione è una teoria scientifica in ambito psicologico riguardo i comportamenti individuali o di massa di fronte a scelte per le quali si dispone di un tempo minimo di percezione. I due chiamano “anchoring” la reazione in cinque secondi di una mente chiamata a valutare tra due moltiplicazioni identiche ma inverse nella formulazione. Ecco il dilemma: 8x7x6x5x4x3x2x1 dà un prodotto e anche 1x2x3x4x5x6x7x8 dà un prodotto moltiplicato. In cinque secondi la risposta generale è che il prodotto della prima è superiore al prodotto della seconda moltiplicazione, perché le cifre sono in partenza più grandi lungo la intera serie. Il Mahama Gandhi è morto a 114 anni o a 35? Generalmente alla domanda “cinque secondi” si risponde con l’età maggiore menzionata (Gandhi è stato assassinato a 79 anni). Anchoring, dunque. E Trump è un mago dei grandi numeri pazzi, le illusioni ottiche della mente e non degli occhi: “milioni” di voti illegali sono andati alla Clinton, ha sparato di recente, e quel numero sticks, si fissa, si memorizza e fa scuola. Come il famoso “tremendous amount of money”, una quantità che ha propagandato ossessivamente come suo risultato personale e politico presso elettori “dimenticati” e presunti “straccioni della globalizzazione” che odiano i professional, i sussiegosi professorini del pol. corr., ma accettano e idoleggiano i ricchi (tutti in realtà sanno che i soldi di Trump sono eredità del padre gestita furbescamente, a spese dei contribuenti americani, e proiettata non su costruzione e produzione ma su un’attività luccicante di branding, “Trump towers” dappertutto). Illusione ottica della mente, appunto.

Molto modestamente, senza essere come Tversky e Kahneman un Nobel, un grande combattente sionista come loro, uno scienziato come quella coppia fatale e storica di decrittatori dei comportamenti delle mente umana, mi è capitato di recente di osservare che chi di storytelling ferisce si trova avvantaggiato, ma poi ne può perire. Ed ecco la teoria “availability heuristics”. Conta più un’informazione memorabile, come la sfilata delle vittime dei messicani cattivi ai comizi di Trump, di una sequanza di fatti asciutti e di numeri. La gente non ragiona con le statistiche. Non vuole risposte esatte, vuole una storia. Per la Brexit ha avuto la storia della nazione inglese contro le fisime del mercato unico e dell’euro. Per la Renxit, dopo tanto storytelling modernista e scattante, ha avuto la storia del nuovo Mussolini, della deriva autoritaria, piuttosto che le cifre sull’occupazione o sul pil o sul calo delle tasse o sulla semplificazione decisionista (una Camera in meno, tot parlamentari in meno, tot litigi tra stato e regioni presso la Corte in meno).

Poi c’è lo stereotipo detto “representativness heuristics” nella teoria dei due grandi psicologi ripresa e raccontata da Lewis. Lo stereotipo è un giudizio fondato su un giudizio precostituito che fa da modello. Kahneman dice che un atleta alto e magro sarà infallibilmente giudicato un giocatore di basket piuttosto che di football o di soccer, a tutta prima, nei cinque secondi che ti lascia il flusso dell’informazione rapida (aggiungete alla teoria i social, tv cablo, tutto il delirio che conoscete dell’informazione politica istantanea). I corpi, dunque. Lewis ha provato a immaginare la storia di Trump nel corpo di Hillary, e ne ha desunto, come chiunque farebbe a termini di senso comune, che con quel corpo Trump non avrebbe vinto. Stereotipo. Il presidente è percepito irrazionalmente come un tipo tosto e alto, preferibilmente bianco e disinvolto nel linguaggio gestuale, piuttosto che come una maestra donna.

Ora è di moda dire. Avete perso, statevene zitti, non siate petulanti, non è brechtianamente il comitato centrale a eleggere il popolo ma il popolo a eleggere magari di nuovo il Senato. Il popolo ha sempre ragione, no? Siamo una democrazia, no? Vero, politicamente. Ma consola il fatto che siamo anche una psicologia, una forma mentis, una fallibile macchina per decisioni fallibili, oltre che una democrazia di massa fondata su istinti individuali spesso irrazionali, e che questo dato sia illustrato da due formidabili studiosi ebrei, amanti l’uno dell’intelligenza dell’altro e capaci di raddoppiare una sola intelligenza originaria. Quindi quando ho cinguettato: “Cari elettori dai 18 ai 34 anni: avevo la tentazione di una vecchiaia gay. Ora non più. Menatevela da soli. Stronzi #reazioneserena”, forse non avevo proprio tutti i torti. Torto sì, ma non tutti i torti. Comunque, fra dieci anni e altrettanti governi del proporzionale, quando si presentassero problemi di disagio sociale che richiedano sveltezza e sicurezza di decisione, non venite a rompermi i coglioni e a propormi nuove grandi rivoluzioni liberali maggioritarie e avventure riformiste. Grazie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luciano_avogadri

    12 Dicembre 2016 - 07:07

    Io resto convinto che il nostro problema sia: come riusciamo a recuperare la cmpetitività che abbiamo perso a partire dagli anni settanta del secolo scorso. La maggioranza degli italiani pensa che il modo migliore sia continuare come prima. Boh.

    Report

    Rispondi

    • guido.valota

      12 Dicembre 2016 - 13:01

      Il suo interrogativo finale trova secondo me risposta nelle dimensioni dello stato, del parastato, del partecipato. Per questa gente la competitività rappresenta la nemesi numero uno. Alla quota mancante alla maggioranza numerica aggiunga il tasso di analfabetismo di ritorno e le valutazioni (di enti terzi) sui risultati della pubblica istruzione nella maggior parte del paese, e poi applichi la massima visibilità e risonanza di cui gli imbecilli possono oggi godere indisturbati per la prima volta nella storia umana tramite i meccanismi social.

      Report

      Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    11 Dicembre 2016 - 18:06

    Nella democrazia ateniese, il popolo lasciava ai "signori" il diritto di dirigere lo Stato. All'Assemblea erano ammessi e avevano diritto di voto solo i cittadini maschi adulti, figli di padre e madre ateniesi liberi dalla nascita, in grado di combattere e, quindi possidenti, le armi costavano. Perciò una grande parte della popolazione, cioè i nullatenenti ed i figli di un solo genitore libero e gli schiavi e i loro figli erano esclusi dalle funzioni politiche. Le odierne democrazie a suffragio universale, sono altro da quella ateniese. Gli attuali sistemi politici sono “massocratici”. Cioè: notava il calvinista Johann Althaus, sottoposti alla massa, incostante e volubile che istigata da demagoghi e sollecitata nei suoi più bassi istinti, si divide in fazioni in lotta continua tra loro. Chiamare “democrazia” la “massocrazia” è deviante, rinnega il senso proprio del lemma. Ovviamente non si può, adottare il metodo ateniese. Allora? L’Imperatore della Galassia ci attende.

    Report

    Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    11 Dicembre 2016 - 13:01

    Insomma, gira e rigira, DOVEVA vincere l'inteĺlò pensiero radicalpolcor unico anzi universale. Insomma, il cetriolo non va giù, anzi sù. Mao diceva che quando si prende in quel posto, agitarsi fa il gioco del nemico. Macchè. L'ideologia totalitaria non si dà pace e deve strolgare psicosocio teorie per dimostrare che chi pensa di testa sua va eliminato. Prendiamo atto che il genocidio progredisce: dopo quello razziale e quello religioso ora c'è quello ideologico. Ma l'uomo è fatto per questo, e ne basterà sempre Uno per salvare tutto il genere.

    Report

    Rispondi

  • scaranodavide

    11 Dicembre 2016 - 11:11

    Vede Ferrara, a me questo commento fa tornare in mente il seguente ritornello: "bisogna saper perdere, non sempre si può vincere". In primo luogo colgo la differenza tra le decisioni che vengono prese in cinque secondi e quelle invece che durano mesi, come quelle relative al seguente referendum. Noi del no, saremo pure accozzaglia, ma siamo stati un'accozzaglia riflessiva. Non credo ci possa essere data l'attenuante dell'impulsività. Nel merito questo referendum e questa globalizzazione toglie spazi di autonomia ai singoli ed alla società. Come essere contro gli accordi sul clima di Parigi e sostenere il nuovo ordine mondiale? Come essere contro l'ideologia LGBT ed a favore delle agenzie internazionali che propongono l'ideologia gender? Credo che l'esito di questo referendum possa e debba insegnare questo: non basta un bel packaging (riduzione dei costi della politica) per vendere un cattivo prodotto, cioè il Senato nominato nominato non si sa come, non si sa da chi. Cari saluti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi