“Riforma elettorale ed elezioni subito”. Anche Migliore (Pd) è per il Lodo Foglio

Parla il sottosegretario alla Giustizia e deputato dem Gennaro Migliore: “Sono favorevole a una legge che riveda il sistema elettorale, come proposto dal Foglio, e senza aspettare la sentenza della Consulta”

Migliore

Gennaro Migliore (foto LaPresse)

Gennaro Migliore, deputato del Pd e sottosegretario alla giustizia: “Sono favorevole a una legge che riveda il sistema elettorale, come proposto dal Foglio, e senza aspettare la sentenza della Corte costituzionale. E sono favorevole anche perché è nostra responsabilità, intendo del mio partito e dei dirigenti che sono stati impegnati in questi mesi al governo del paese, quella di ripresentarsi di fronte al corpo elettorale il più rapidamente possibile per interpretare quella richiesta di riforme che sta evidentemente contenuta in quel 40 per cento di voti che si sono espressi per il Sì al referendum. Ma attenzione: questo non significa non tenere conto del voto del No. Tutto il contrario. Se in tanti hanno votato No è perché noi non ci siamo fatti evidentemente capire bene. Non è infatti il popolo che va cambiato, per dirlo con Rosa Luxemburg, ma siamo noi che dobbiamo adesso spiegarci meglio. E per questo abbiamo anche la responsabilità di tornare rapidamente alle urne.

"Se il consultellum porta subito al voto, per noi va bene", dice Pini (Lega) al Foglio

Sostituire all’istante l’Italicum presentando in Parlamento la legge elettorale disegnata dalla Consulta alla Camera nel gennaio 2014. Il lodo Foglio

E’ chiaro che in questi mesi di governo non abbiamo spiegato bene la natura e il senso di riforme importanti come la Buona scuola, così come è passato il messaggio che nel mercato del lavoro i voucher favoriscano lo sfruttamento dei lavoratori. I voucher sono stati immaginati per favorire l’emersione del lavoro nero, dunque tutto il contrario. Adesso noi dobbiamo dire con chiarezza ai datori di lavoro, a quelli che stanno approfittando della nostra legge per sfruttare le persone, che non lo permetteremo. E’ nostra responsabilità quella di non permettere lo stravolgimento di una riforma giusta. Una ragione in più per votare, votare subito, fare la riforma elettorale e senza aspettare la sentenza della corte costituzionale sull’Italicum.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    08 Dicembre 2016 - 18:06

    Si ma...se non erro il Consultellum è un sistema proporzionale con una soglia di sbarramento ridicola ed è priva di premio di maggioranza. In pratica si torna indietro di trant'anni ... che se ci fosse ancora il corpaccione della Democrazia Cristiana potrei anche capirlo.Un qualsiasi governo sarebbe in balia dei partitini e si ricomincerebbe con i governi che nascono e cadono alla velocità della luce: in una parola il caos. Almeno ci vorrebbe un premio di maggioranza alla coalizione piuttosto sostanzioso con obbligo in caso di caduta del governo di ritorno alle elezioni più una soglia di sbarramento al 5%.

    Report

    Rispondi

Servizi