L’antipatia, non la post verità, c’entra con la parabola renziana

Ce la possiamo prendere col pil che non sale, col Jobs Act così-così, la deportazione dei maestri e la rottura del Patto del Nazareno. Ma ogni eventuale errore politico è nulla di fronte all’antipatia

L’antipatia, non la post verità, c’entra con la parabola renziana

"Il vero, grande merito di questa fiction è che non ci sono i toscani”. Così Stanis La Rochelle in una memorabile gag di “Boris”, la serie andata in onda su Fox tra il 2007 e il 2010, l’anno in cui Renzi annunciò la “rottamazione senza incentivi”, l’anno della prima edizione della Leopolda. Oggi risuona come una profezia nefasta. Una sotterranea, diffusa, inconfessabile “ragione del No”. Tanto che persino Galli della Loggia individua nel “tratto marcato di consorteria toscana” uno dei motivi della sconfitta di Renzi, leader “divenuto ormai insopportabilmente antipatico”. Ormai? Semmai bisognerà fare i conti con quello che è stato sin da subito uno degli insormontabili problemi del renzismo. Perché ce la possiamo prendere col pil che non sale, col Jobs Act così-così, la deportazione dei maestri e la rottura del Patto del Nazareno. Ma ogni eventuale errore politico è nulla di fronte all’antipatia.

Antipatia per Renzi, il renzismo, le slide, i tweet e pure la Scuola Holden di Baricco. “La sola cifra del suo discorso è stata quella del sarcasmo”, scrive Galli della Loggia che quasi fa il verso a Stanis di “Boris” quando dice che “con quella ‘c’ aspirata e quell’umorismo da quattro soldi, i toscani hanno devastato questo paese”. Per carità, c’erano da salvare la Costituzione e il Senato, bisognava difendere il Cnel, impedire la deriva autoritaria, d’accordo. Ma il voto di domenica dice che c’è un 41 per cento di riformisti moderati che non ha più un partito e un 59 per cento di italiani che non avrebbe cambiato idea per nessuna ragione al mondo. Oliviero Toscani lo disse temo fa e senza troppi giri di parole: “La riforma sarebbe anche giusta, ma voto No perché Renzi mi è antipatico”. Tié. Salvini ci ha costruito sopra mezza campagna referendaria. “Renzi non lo sopporto mi sta antipatico”, diceva invitato da Daria Bignardi alle “Invasioni barbariche”. “Non riesco a sorridergli, mi dà fastidio vederlo a pelle”, diceva ospite da Geppi Cucciari, qualche mese dopo. Farinetti aveva fiutato l’aria e a un mese dal voto chiese di “tornare a essere simpatici”.

Ospite da Massimo Giletti, Renzi chiese agli italiani di non votare No solo per antipatia. Ma ormai era fatta. Se c’è qualcosa che hanno in comune il voto americano e quello italiano è la diffusa antipatia per Hillary e Renzi. Certo, tutta questa insistenza ossessiva sui boy-scout e Baden-Powell alla fine resterà un po’ inspiegabile (alzi la mano chi ha mai trovato “simpatici” i boy-scout). Perché a differenza del berlusconismo, il renzismo non aveva degli oppositori radicali e martiri dell’indignazione che però in privato ridacchiavano delle barzellette, delle culone inchiavabili, o annuivano di nascosto su “l’Italia è un paese di merda”. Al contrario, Renzi è probabilmente antipatico anche a molti elettori di quel 41 per cento. La sua è una parabola esemplare della nostra politica. Dalle assunzioni a scuola con la scuola che gli vota tutta contro, all’approvazione delle unioni civili di cui improvvisamente non fregava più niente a nessuno fino all’ultima, surreale accusa di “irresponsabilità” per le dimissioni, Renzi ci ricorda che non serviva inventare una parola come “post-verità” per spiegare la prevalenza delle emozioni sui fatti. Per dire la stessa cosa, funziona ancora benissimo anzi meglio il buon vecchio “stare sui coglioni a tutti”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Andrea

    09 Dicembre 2016 - 10:10

    Antipatia e simpatia... dei fiorentini e del giglio magico... certo... ma perché nulla si è fatto per dar luogo ad altre "leopolde"... in altre località italiane? Questo è per me il punto. Renzi o non Renzi, 'Italia tutta deve e può ancora essere oggetto del cambiamento. E chi se non Renzi potrebbe divenirne il motore estendendo la ricerca dell'X factor a tutto il Paese?

    Report

    Rispondi

  • marcel

    08 Dicembre 2016 - 20:08

    Premesso che a me Renzi sta simpatico e che ho apprezzato la sua opera di governo, io temo che sia piuttosto vero il contrario. Cioè che l'antipatia sia la maschera (che fa anche fine, tipo " a me non la si fa") che nasconde il terrore per le scelte politiche, il conservatorismo più gretto

    Report

    Rispondi

  • mariadecesari

    08 Dicembre 2016 - 12:12

    Ero arrivata al punto di spegnere la TV quando compariva(anche quando si trattava del mio programma preferito

    Report

    Rispondi

  • bary1938

    08 Dicembre 2016 - 08:08

    ho votato no al referendum per le riforme votate in parlamento "chiedendo la fiducia". Non certo per l'arroganza e la spocchia di Renzi e dei suoi ministri.

    Report

    Rispondi

    • neri

      09 Dicembre 2016 - 07:07

      bravissimo cosi' ci penseranno forse a modernizzare la costituzione i nipoti dei suoi nipoti ( ma attenti alla deriva autoritaria mi raccomando ! ).Intanto noi andiamo avanti, sorry, indietro infatti il clima che si respira oggi in Italia grazie alla vittoria del NO e' quello da prima repubblica, mancano solo Craxi ed Andreotti

      Report

      Rispondi

Servizi