Minority Report

Il No al referendum e le tribù in cui viviamo segregati

Il risultato del 4 dicembre dimostra che testimonial e mezzi di comunicazione tradizionali non sono più efficaci. La comunicazione di massa non funziona più. Tra social network e difficoltà di fact checking, i tentativi di dialogo e i richiami all'autorità non funzionano più.

Beppe Grillo referendum

Beppe Grillo durante il comizio a Torino per il No al referendum (foto LaPresse)

Il recente referendum ha confermato alcuni dei trend più importanti della comunicazione politica contemporanea. Un articolo del 2015 dell’Università Cornell parla di “world of tribes”, un mondo della comunicazione fatto di tribù. In effetti la comunicazione politica al tempo dei social network non si è affatto globalizzata. Si sono creati mondi paralleli, in tutti gli schieramenti, del tutto impermeabili sia al famoso controllo dei fatti (fact checking) sia al normale dialogo di convincimento. Per rimanere al nostro referendum, nessuno convinto del legame tra “stallo economico” e Costituzione ha cambiato idea sotto il diluvio di argomenti contrari così come nessuno certo del complotto “pluto-giudaico-massonico” ha accettato altre spiegazioni per il cambiamento proposto.

 

La politica ha una componente affettiva fortissima e, una volta stabilita la propria tribù di appartenenza, raramente si mette il naso fuori di essa. Ciò è sempre avvenuto, ovviamente, ma i social network hanno incrementato esponenzialmente questa dinamica e hanno trasformato a loro immagine molti altri mezzi di comunicazione e i tipi di segno a cui si presta più facilmente attenzione.

 

Prendiamo il caso dell’ultimo referendum italiano che replica quanto già visto con Brexit e Trump. I giornali italiani erano schierati in maggioranza a favore del Sì, alcuni più altri meno apertamente (il più apertamente di tutti, con molta simpatia, il Foglio). Lo spazio degli argomenti del governo e del premier è stato predominante. Eppure, la maggioranza dei cittadini, che ha partecipato attivamente alle elezioni, ha ascoltato poco o nulla di tutto questo.

 

Molta comunicazione politica, infatti, passa oggi da siti internet e social network. Essi sono diventati spazi comunitari di appartenenza dove ciascuno esclude quelli che non la pensano come lui/lei. D’altro canto, i giornali e le televisioni tendono a conformarsi a questo schema, smettendo di essere informativi e diventando dei salotti, dei club che vengono frequentati solo da coloro che già ne condividono il pensiero. Diventano a loro volta una delle tribù, quella dell’élite. Un esempio oltre confine dovrebbe aiutarci a capire. La Cnn, un tempo fonte autorevole, lunedì parlava di rivoluzione populista in corso in Italia senza rendere alcun conto della complessità di motivazioni che hanno spinto persone di diversa estrazione e cultura a votare per il “No”. E se si vuole pure considerare convenzionalmente Grillo o Salvini dei populisti – termine che personalmente trovo vuoto – dire che Onida o Zagrebelsky, Monti o qualche decina di raffinati costituzionalisti, per non parlare di 19 milioni di italiani, siano tutti dei “populisti” rivoluzionari sembra quantomeno affrettato per una delle grandi testate del mondo giornalistico. Non c’è niente da fare, però: alla Cnn non controllano i fatti come non li controllano le centinaia di blog che stanno costruendo la mentalità popolare.

 

Anche il tipo di segni utilizzato, come segnalato molte volte da questa rubrica, è in evoluzione social. I segni delle comunità sono quelli dell’appartenenza e, più ancora, le immagini, i suoni e i toni che fanno sentire di appartenere a una comunità. Il tono negativo del “mandiamo a casa Renzi” dominava facilmente in questo caso nel campo del No e Renzi, purtroppo per lui, ha trovato solo nelle dimissioni i toni che l’avrebbero fatto vincere o perdere con meno scarto. Dal punto di vista semiotico è l’era delle icone, con i suoi pregi e i suoi difetti: si ragiona di meno ma conta di più la sincerità, vera o apparente che sia. E’ meno efficace il lungo ragionamento come la pura indicazione del leader come prodotto da vendere (il nome sul logo di partito o l’uso anche stavolta inefficace di testimonial).

 

Come sempre non si sa se venga prima l’evoluzione dei mezzi o quella dei segni, ma è certo che siamo in un mondo di tribù dalle quali è difficile uscire e i tentativi di dialogo appaiono velleitari tanto quanto il riferimento ad autorità super partes. Occorre sperare che si riformi la credibilità di qualche testimone d’eccezione o la chiarezza di qualche discorso ideale prima che il non dialogo fra tribù degeneri in violenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    07 Dicembre 2016 - 23:11

    Ma quante conclusioni e confusione mentale davanti a un fatto che già di per sé pronosticava il risultato: una mezza tacca di politicante contornato da quattro pollastre radical-snob si permette di buttar giù una proposta cervellotica sua personale e nemmeno del suo partito per stravolgere la Costituzione esclusivamente pro domo sua, se ne proclama padrino esclusivo e pretende che sia approvata?! E badate bene: se i votanti no sono un'accozzaglia, i votanti si sono clientelari e teledipendenti mediatici. La riforma costituzionale proposta non è stata discussa né nelle sedi né nei dovuti termini per palese strampaleria. E mi dispiace vedere il Foglio piegato a far da mosca cocchiera al Renzime, mettendosi a squalificare gli avversari anziché ragionare obiettivamente. Come siamo caduti in basso!

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    07 Dicembre 2016 - 21:09

    Non sono del tutto d'accordo. Il problema non sta nel sistema di comunicazione, internet, giornali, radio e TV me nelle strategie e nei contenuti della comunicazione. E il rapporto fra queste e i destinatari della comunicazione. Se il No fosse stato appoggiato per ipotesi solo da Forza Italia avrebbero vinto i Si perchè il popolo di Forza Italia è più indipendente rispetto alla comunicazione di quanto lo sia il popolo pentastellato. Il popolo grillino è generalmente sensibile a messaggi semplici, aggressivi, messaggi che suggeriscono complotti a iosa di oscure forze al potere. In una parola il populismo più becero. Certo internet permette il diffondersi di questi messaggi in un istante ma lo stesso potrebbe valere per le altre parti. In realtà i fattori sono solo due: 1) il tipo di messaggio 2) i destinatari del messaggio. Se devi parlare a gente come i seguaci di Grillo devi porre le tue idee come fa Grillo, smuovendo la pancia della gente più semplice e meno acculturata.

    Report

    Rispondi

  • franco.bolsi

    07 Dicembre 2016 - 21:09

    Concordo Maddalena viviamo separati in tribù o in sub culture che dir si voglia. Oggi. una persona del PD ha detto: noi siamo rispettosi delle istituzioni e proponiamo la nostra forza al servizio del paese. E’: pazzesco votano in parlamento la riforma di Renzi e si smentiscono facendogli la guerra creando le condizioni attuali e parla così?. A quale istituzioni si riferisce? Che credibilità ha uno della minoranza del PD? In chiave tribale si comprende, in chiave alta, istituzionale è una presa in giro. così sono tutti o quasi, s’intende. Non conosco i social perché non li frequento ma credo che siano la negazione di un dialogo anche conflittuale. Non spiegano nulla e rendono gli utenti impermeabili a tutto. Per brevità, appunto i social come i commenti qui, credo che finirà in violenza e lo penso da tempo. Il dato simbolo è il risultato del no che, così ho letto, ha riguardato soprattutto i giovani. Fascia ben battuta da Renzi. Ps Io vot si a ref. ma no essere progr. Augh.

    Report

    Rispondi

Servizi