La responsabilità pelosa

Il fronte del No ha vinto, ora faccia ciò che deve. Se ne è in grado

La responsabilità pelosa

Matteo Salvini (foto LaPresse)

Hanno chiesto agli italiani di votare No per mandare a casa Renzi? L’hanno ottenuto? Ora tocca ai leader del fronte del No proporre un piano d’azione agli italiani, al Parlamento e al presidente della Repubblica, per uscire dal pantano istituzionale in cui siamo ora. Non possono costoro pretendere che Matteo Renzi si lasci logorare dalla ricerca di un accordo sulla legge elettorale, dentro e fuori dal suo partito. Certo, il Pd ha la maggioranza alla Camera e senza il Pd non c’è maggioranza possibile al Senato, ma Renzi deve evitare che Grillo, Salvini, Brunetta e la sinistra dem giochino con lui al gatto col topo, o usino contro di lui la retorica “palazzo vs popolo”.

Renzi ha raccolto intorno al Sì 13 milioni di voti, la Grande Accozzaglia 18 milioni: popolo è quello del Sì e popolo è quello del No, quest’ultimo è la maggioranza e tocca dunque ai fautori del No mettere le carte sul tavolo. Non hanno e non possono avere una linea unica e proveranno dunque a scaricare la patata bollente su Renzi.

Lega, M5s e FdI chiedono il voto subito. Cauti Pd e FI

Salvini, Grillo e Meloni chiedono di tornare alle urne con l'Italicum alla Camera e il Consultellum al Senato. Brunetta e Speranza: "Aspettiamo Mattarella" 

A oggi esistono solo due maggioranze possibili capaci di adottare una legge elettorale decente: un Nazareno bis con il Cavaliere o l’attuale maggioranza parlamentare con Alfano e Verdini. Entrambe sono ad alto rischio di impazzimento della sinistra del Pd. Il presidente del Consiglio dimissionario tutto questo lo sa e l’ha già detto: non tocca a lui tessere la tela della legge elettorale, lui aveva proposto al paese un grande e coraggioso piano di riforma della Costituzione, ora spetta a chi ha vinto il referendum assumersi le proprie responsabilità. Lo spauracchio del voto anticipato con il Consultellum indurrà molti a chiedere a Renzi “senso di responsabilità”. Il fiorentino se ne stia lontano: se fa lui il mediatore, prima o poi lo fregano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lisa

    06 Dicembre 2016 - 09:09

    Il Fronte del no non ha vinto. Fondamentalmente ha perso Renzi, ma neanche più di tanto. Ha perso nel momento in cui, come Cameron, ha sfidato un popolo frustrato e parecchio preoccupato. Come la Brexit, come Trump, né più e né meno. Salvini e co. non devono gonfiarsi il petto, chi ha votato non lo ha fatto per dar retta a loro. Lo ha fatto in piena autonomia. Ha lanciato il suo messaggio. I giornali hanno fatto il resto. Tacciando di populisti (l'epiteto sprezzante più in voga del momento tra quelli che hanno capito come va il mondo) tutti quelli che proponevano istanze non politicamente corrette. Ci è cascato anche il Foglio. Io conosco tanti che hanno votato no e non ci stanno proprio a farsi dare dei populisti, o a farsi dare dei cretini, che poi il significato è quello. Infine, ciliegina sulla torta. Ecco la nostra grande Istituzione Europea, che non trova di meglio che dichiarare "Questo non è un voto contro l'Europa", anziché rispettare la volontà degli italiani. Perseverano.

    Report

    Rispondi

Servizi