Evviva il sì nel paese del no

Forse è minoranza, forse è maggioranza. Non importa. Oggi abbiamo scoperto un gran pezzo di nazione che ha scelto follemente di rischiare sfidando la retorica della Nostalgia e una profezia di Massimo Troisi. Elogio spericolato dell’Italia del Sì

Evviva il sì nel paese del no
Consapevole dei rischi, consapevole anche della (imperfetta) proposta referendaria, ieri, domenica 4 dicembre, alle ore 7.50, ho votato Sì, dunque, al momento in cui scrivo ignoro cosa succederà. E tuttavia, che vinca o perda, domani desidero brindare per ringraziare l’Italia del Sì. Forse è minoranza, forse è maggioranza, ma sono lieto di incontrare, di tanto in tanto, qualcuno, certo pieno di dubbi, ma disposto al Sì, o meglio al: dài, vediamo, proviamo, lavoriamo. L’Italia del Sì che, appunto, ogni tanto...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    05 Dicembre 2016 - 16:04

    Coraggio: oggi è già un altro giorno e iniziano problemi non risolti da Renzi "E' a rischio il non rispetto del patto di stabilità..", ovvero "sarebbero necessarie misure addizionali significative" dice stamane l'Eurogruppo. Faccia pure l'elogio del SI, intanto vediamo di tappare questo "buco" insieme a molti altri di carattere economico che il fautore massimo del SI ci ha lasciato (spero di non pagare più tasse).

    Report

    Rispondi

Servizi