La bussola di D'Alema

“La vittoria del No segnerà la fine del partito di Renzi”. Max, la maledizione di Montezuma e il Pd

Salvatore Merlo

Email:

merlo@ilfoglio.it

massimo d'alema

Massimo D'Alema (foto LaPresse)

Roma. Si è arreso alla rottamazione ma solo per rottamare il rottamatore, ha saputo tramutare il dispiacere in rancore, e poi il rancore in forza, dunque in vigore, trasformando la sua brama appassita in trama fiorita, tornando dunque protagonista, o forse antagonista sovrano e occulto, quello cui da sempre si attribuiscono tutte le doppiezze e i machiavellismi d’Italia, perché i baffi del gatto, si sa, non cadono mai. E allora, pur impacchettato come le famose eco-balle di Napoli, come uno scarto della rivoluzione industriale, un reperto archeologico dell’antico Egitto, Massimo D’Alema rimane temibile come una maledizione biblica, “occhio a D’Alema”, “guardati da D’Alema”, “sta’ attento a D’Alema”, con il mondo di Matteo Renzi che un po’ sfotticchia, ma come fossero scongiuri, perché forse, in realtà, i ragazzi del governo temono la Mummia e le sue profezie, proprio come il conquistatore Cortés temeva le ultime parole di Montezuma: “Che ci faceva D’Alema la settimana scorsa con Bersani e Fassina? Stanno preparando un nuovo partito, la scissione?”.

 

E lui ne ha dette di notevoli in questa campagna referendaria che si conclude, finalmente, oggi, e che domenica sera consegnerà alla sinistra uno scalpo (ma quale, quello di Renzi o quello del vecchio D’Alema?). Gli archivi dei giornali sono pieni dei taglienti dileggi e dei motti di spirito che l’anziano ha riservato al suo giovane segretario/nemico. Spesso D’Alema si è abbandonato alle battutine e agli scatti di nervi. “Renzi leader? E’ come Briatore”, diceva. Oppure: “Renzi è un uomo che divide, che lacera, e ha pure un tono sprezzante” (che detto da lui è un giudizio abbastanza temerario). E dunque in questi ultimi mesi D’Alema ha organizzato comitati per il No al referendum, ha riunito schiere di attempati dalemiani nei cinema d’Italia, dal Po al Simeto, dall’uno all’altro mar, tutti insieme con il gusto di ritrovarsi ancora una volta in battaglia, dopo tanti anni, come tanti anni fa, come nei film di Ettore Scola, o come nel “Grande freddo”, reduci e veterani: con il presupposto dichiarato di voler difendere il funzionamento dei meccanismi democratici, con la rassicurazione che nessuno vuole creare correnti o favorire scissioni, ma con l’obiettivo principale, o almeno parallelo, impossibile da nascondere: “La vittoria del No segnerà la fine del partito di Renzi”. Un mondo che ha trasformato il malumore nella sua bussola spirituale.

 

E in D’Alema, o nel personaggio che da trent’anni porta il suo nome, l’intelligenza, ormai si sa, si sviluppa in funzione prevalentemente difensiva, come risorsa individuale contro le incognite e contro l’arbitrio, quindi con l’inclinazione al sotterfugio. Così, anche quando prometteva lealtà al suo spavaldo segretario, gli italiani pensavano che in realtà stava per essere consumato un altro tradimento, come ai tempi di Prodi e di Bertinotti. E dunque già prima del referendum, alle amministrative, Aldo Cazzullo gli chiedeva sul Corriere se fosse lui il regista delle candidature anti renziane, se per caso avesse spinto lui Antonio Bassolino a candidarsi a Napoli. Macché. D’Alema rispondeva col contegnoso e olimpico distacco di chi si occupa solo di alte questioni internazionali e non di locale, e banale quotidianità: “Sono sbarcato all’alba a Fiumicino, dall’Iran, dove Vodafone non prende. Non so nulla…”.

 

E però, poco tempo dopo, incapace di trattenersi: “Giachetti candidato del Pd a Roma? Normalmente sono disciplinato e voto per i candidati del mio partito ma in questo caso mi prenderò un ulteriore momento di riflessione”. Finché qualcuno non spifferò che addirittura invitava a votare Virginia Raggi. “Tutto falso”, disse lui. “D’Alema, che è quasi sempre all’estero, non ha avuto modo di occuparsi della campagna elettorale di Roma”, precisò l’ufficio stampa. Ma Tomaso Montanari: “D’Alema mi chiamò per convincermi a diventare assessore con la Raggi”. Ed ecco la furbizia, che è una sottomarca dell’intelligenza, come la similpelle lo è del cuoio. Da allora non è cambiato niente, e ancora adesso lo si può immaginare impegnato a fregarsi le mani in attesa dei risultati del referendum, pregustando, per domenica sera, il 25 luglio del “ducetto fiorentino”. E questo forse gli basta, la soddisfazione, tutta privata e lirica, non di aver vinto, ma di aver visto Renzi perdere. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    02 Dicembre 2016 - 22:10

    Oh no, caro valente viticultore, sarà la pietra tombale della "sinistra", quella che Lei ha conosciuto sui "sacri testi". Vabbè che pure quella non è mai andata oltre l'adolescenza, però il fascino del lemma l'aveva conservato. Ora per non lasciarlo a Renzi, non n'è degno, ha scelto il suicidio assistito: da Lei. Sarà un suicidio agonico, non breve e molto tormentato, doloroso, ma la storia della "sinistra" ci racconta che se l'è preparato da sola. Intendiamoci, ci saranno sempre un est e un ovest, un nord e un sud, con lemmi diversi da destra e sinistra. Ma questo è consustanziale al fatto che sono uno funzione dell'altro. Basta questa elementare considerazione per capire che "Tantummodo simul sunt" Proinde: "Tiremm innanz". Infatti non potremo mai rinunciare ai sogni e ai desideri e alle speranze. Tutto regolare.

    Report

    Rispondi

Servizi