Votare Sì per dare un dispiacere al sussiego dei ceti riflessivi

La famosa "accozzaglia", una pletora di benintenzionati che si scandalizza per il clientelismo e per De Luca e avvilisce in modo tanto disdicevole la nostra cultura politica.

Comitato per il No

La conferenza stampa del Comitato per il No al referendum costituzionale lo scorso 22 novembre a Roma (foto LaPresse)

Va bene che dopo Trump non si può più giocare con la scorrettezza politica, ma fino a un certo punto. Io per esempio voterò Sí al referendum per motivi diversi da quelli indicati dal presidente del Consiglio o da Maria Elena Boschi: riprendere in mano il futuro e cambiare o modernizzare l’Italia sono cose che per storia personale e anagrafe non considero da tempo alla mia portata. Giusto che dei quarantenni responsabili si diano da fare, ma io c’entro poco. Il mio voto è per il titolo della riforma, dei cui dettagli me ne fotto, esattamente come i costituzionalisti che fingono di appassionarsene, in nome del buon senso. Sono anche contento se il processo politico cominciato due anni e mezzo fa andrà avanti, dato che nella mia miopia non ne vedo altri in campo. Ma il motivo vero è ancora un altro: desidero dispiacere un pochino, con la singola frazione di cittadinanza espressa dalla mia croce sulla scheda, ai ceti riflessivi, intollerabilmente sussiegosi, che formano la famosa “accozzaglia”.

Nella sceneggiata napoletana si sente spesso esclamare “i’ t’accide”. Nel vernacolo romano andante si dice “io a quello je menerebbe” o, nei casi più gravi, “l’ammazzerebbe”. Nel gergo politico insincero si condanna il voto di scambio, considerato formalisticamente un reato penale nel mondo sottosopra che combatte o crede o vuol far credere di combattere il mondo di mezzo del malaffare politico, quando tutti sanno che il voto popolare è nei secoli uno scambio, ideale e più spesso materiale, vero scambio o presunto. Se un politico campano di razza come Vincenzo De Luca fa un elogio del clientelismo, e conferisce un’onorificenza verbale a un sindaco che si dà da fare a muovere cose e consensi, si apre un caso linguistico e politico e lo si condanna. Si condanna non il clientelismo, che già farebbe un po’ ridere, ma un discorso evidentemente scherzoso e paradossale sul clientelismo, cioè su una politica appassionatamente carnale, operativa, fondata sul trascinamento del popolo e sul peso attribuito al territorio e alla società che lo abita invece che alle piccole trame ribalde della Rete di Rousseau e Casaleggio. Se uno vuole corrompere il sistema del consenso non fa un elogio del clientelismo, se ne guarda bene, questo è appena ovvio per tutti. Un po’ come nel paradosso sofistico del mentitore. Se il mentitore dice: “Io mento”, dove starà mai la verità? Cosí se un presidente dell’Antimafia mi mette in una blacklist di impresentabili a due giorni dalle elezioni per una affaire dalla quale sono prosciolto con tante scuse qualche mese dopo, sceneggiare un “i’ t’accide” mi sembra il minimo sindacale, non una minaccia camorristica, che probabilmente seguirebbe altre vie. Ma l’Antimafia invece apre un qualche dossier per cercare di nuovo di infamare l’infame. Ecco. La correttezza politica, che già era un vuoto intellettuale e morale, diventa ora un baratro, un modo insieme sussiegoso e dispotico di esigere conformità e sudditanza al linguaggio dominante.

Il partito dell’accozzaglia è questa cosa qua. D’Alema, che dovrebbe vendere il suo vino rosso alle cooperative rosse e scrivere le memorie di uno statista, erige barricate costituzionalistiche. Grillo come al solito scoreggia. Salvini alterna un comitato per il No a un comizio con una Le Pen che non risulta arrivare da una costola della sinistra. Travaglio litiga perfino con Santoro, e ho detto tutto. Bersani lavora per il re di Prussia, che al momento buono gli darà dello zombie, non è una novità. Berlusconi come sempre è l’unico che ha capito tutto e vota Sí e No nella prospettiva di un nuovo abbraccio con il suo erede, sperando che l’amplesso avvenga a vendetta consumata. L’Economist di Londra? Bè, non voglio nemmeno aprire il capitolo dei guru o mugwump dell’opinionismo mondiale che chinano la loro seriosità sulla povera Italia: bastano due parole, Brexit e Trump, e tutto è chiaro.

Bisogna votare Sí per il bene comune e per premiare il boy scout in chief e le sue marmotte. Ma anche con una carica emozionale negativa, altro che assalto al futuro, per deludere la pletora di benintenzionati che avvilisce in modo tanto disdicevole la nostra cultura politica, il nostro sapere “intrare nel male” per sortirne qualche volta un buon risultato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • SENESI

    SENESI

    28 Novembre 2016 - 19:07

    dottor Ferrara, Sarebbe il dr. Renzi l'uomo del futuro. C'è solamente da piangere al solo pensarci. Lei dr. Ferrara ex GRANDE giornalista si fida ..ma???? di un personaggio ,presidente nominato dal compagno Napolitano . - un giorno si l'altro pure da soldi a dritta e a manca E DOVE LI TROVA CON AUMENTO DELLE TASSE ???? -minimamente pensa ai problemi degli Italiani- ( vedi cosa sta succedendo con gli immigrati. Lui NON PARLA Mi scusi dottore ma chi è questa bella signora Boschi........ma chi sono queste signore in politica.... L'unica che aveva esperienza di imprenditrice l'hanno fatta fuori. Dottor Ferrara goda........pure con Alfano e compagnia . La POLITICA ECONOMIA è un'altra cosa IO VOTO NO!!!!!!!!!!! Cordialmente Giuliano De Stefani

    Report

    Rispondi

  • cortesconta53

    28 Novembre 2016 - 16:04

    Lei se ne fotterà ma glielo dico lo stesso: bravissimo!

    Report

    Rispondi

  • ilcol

    28 Novembre 2016 - 15:03

    Forza forza, fiato alle trombe. L'italietta si è sempre esibita come teatrino mondiale d'avanspettacolo, prima come caricatura di Monarchia poi con l'ammuina della Dittatura all'olio di ricino culminata con la farsetta dell'Impero e dopo il disastro bellico l'italia voltagabbana come repubblichetta delll Stellone a governo democristiano - comunista. Oggi è Demagogia con comici professionisti sulla scena, travestiti, maschere, burattini e burattoni a piacere. Da ridere fino alle lacrime. I trombati nel referendum governativo anzi del regime, impareranno che i cittadini ossia il popolo italiano è gente vera e molto diversa dalle solite facce che okkupano le platee televisive spellandosi le mani ad applaudirli. Renzi & Hillary &.M.A.Boschi & Cirinnà se ne accorgeranno!

    Report

    Rispondi

  • Lou Canova

    28 Novembre 2016 - 11:11

    Completamente d'accordo con Ferrara. Faccio anche notare una certa escalation della pretestusità degli argomenti pro-no sui maggiori media (ad esempio Pigi Battista oggi sul Corriere).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi