Dopo il referendum, le elezioni

L’argomento fasullo di chi dice No perché vuole votare subito (accadrà).

Renzi referendum

Foto LaPresse

Uno degli argomenti più fasulli che circolano a sostegno della bocciatura della riforma costituzionale è che questo – il No – sarebbe l’unico sistema per andare rapidamente a una verifica elettorale. In realtà anche, forse soprattutto, in caso di vittoria del Sì, si esaurirebbe il mandato in base al quale è stato costituito il governo, un mandato legato proprio alla riforma istituzionale.

La base politica dell’accordo tra Matteo Renzi e quella parte di moderati provenienti da Forza Italia che ha scelto di continuare la collaborazione era l’intesa a suo tempo stipulata anche con Silvio Berlusconi per la riforma costituzionale. Una volta che questo obiettivo sia stato ottenuto (o che sia definitivamente naufragato) e in presenza di una robusta dissidenza da parte della sinistra del Pd, il quadro politico risulta modificato e questo richiede una verifica elettorale. Altrimenti l’esecutivo dovrebbe logorarsi in una specie di ordinaria amministrazione. Dopo l’inverno, durante il quale si svolgeranno le assise interne alle varie formazioni politiche per fare il bilancio dell’esito referendario e trarre le conseguenze dalle divisioni interne (nel Pd ma non solo nel Pd) si aprirà logicamente e fisiologicamente una nuova fase politica, che ha bisogno del sostegno diretto dell’elettorato per legittimarsi.

Renzi uno e due. Dove può finire il premier se il 4 dicembre vincerà il No

Non si vota su come è scritto l’articolo 70 Cost., si vota sul rétour à la normale o sulla prospettiva, come dicono i romani, di darsi una “smossa". Indagine sul piccolo cabotaggio post-renziano

Quando Renzi dice che non vuole galleggiare, anche se lo fa per invitare l’elettorato a sostenere il Sì, sa bene che questa sarebbe comunque la prospettiva anche dopo una vittoria, se non si passa per una verifica elettorale che sancisca i nuovi equilibri politici. In questo, peraltro, non c’è alcun elemento di drammatizzazione: la legislatura è nata senza maggioranza, si sono costituiti un paio di governi con il mandato di realizzare una semplificazione istituzionale, con maggioranze piuttosto variabili. Al termine di questo percorso è del tutto ragionevole che si ritorni al corpo elettorale, magari con una legge elettorale che consenta di evitare soluzioni pasticciate (il che sarebbe naturalmente più facile se ci fosse una sola camera abilitata a conferire la fiducia). Quelli che ora strepitano di volere elezioni a ogni costo saranno accontentati, ma per la fora delle cose, non per la loro inutile irruenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzolodigiani

    22 Novembre 2016 - 21:09

    Il cav ha detto una cosa, udite udite, piuttosto credibile. Non prevede elezioni ravvicinate, sia in caso vinca il SI' oppure il NO. Molti membri del parlamento sono davvero affezionati alle loro poltrone.

    Report

    Rispondi

Servizi