Stelle cadenti

Per far scoppiare la bolla grillina, i partiti devono semplicemente metterli nella posizione di spiegarsi

Alessandro Di Battista

Alessandro Di Battista (foto LaPresse)

Puf! E la bolla pentastellata si sgonfiò. Riepilogo rapido per chi fosse sbarcato oggi da Marte: i partitanti grillini decidono di presentarsi alle elezioni comunali di Palermo nel 2012, raccolgono le firme solo che come spesso capita si incasinano con la biro altrui e decidono di ricorrere alle vie brevi, presentano una lista con le firme false. La cosa non passa inosservata, si apre un’inchiesta e quattro anni dopo la faccenda capitombola sul partito degli onesti. Il film è quello già sperimentato per i disonesti: indagine, inviti a comparire, testimonianze discordanti, analisi delle prove (calligrafiche), bugie, verità, mezze confessioni, piene ammissioni di colpa, titoli sui giornali. Olè, todos caballeros. Adesso che succede?

  

Dibba (l’Alessandro leader nazionale) dice che le firme non sono proprio false, ma solo un po’: “Le firme le hanno ricopiate!”. Meraviglioso, non sanno neppure copiare. Naturalmente lo statista aggiunge: “Non faremo sconti a nessuno”. E la lista ormai è lunga. E poi lo sconto è un problema della magistratura e semmai Dibba dovrebbe essere più prudente perché ancora non s’è capito – ma verrà chiarito, perbacco – se Grillo sapesse o no del pasticciaccio in Trinacria. Non è un dettaglio. C’è un sottosopra giudiziario, ma la cosa davvero interessante è la lezione politica che emerge da questa vicenda: è tempo di sgonfiare la bolla grillina trattandola non come un fatto episodico su cui esercitarsi via Twitter. Non dicendo “sono come gli altri”, ma mettendo in luce cosa non sono (un partito democratico), cosa non possono fare senza far fallire il paese (andare al governo) e cosa non possono vantare (la superiorità morale).

  

Per questo va rioccupato lo spazio che loro hanno occupato abusivamente, lasciare ai grilloidi la stella dello sceriffo, la Bibbia, la Colt (e la forca) non è una buona idea. Il loro curriculum vitae parla chiaro: zero tituli in law and order. Quelli del partito dell’onestà hanno scarsa esperienza di governo, ma una densità di pasticci giudiziari stellare (ovvio) in rapporto ai pochi incarichi ricoperti. Dove governano si distinguono per familismo e assenza (Raggi), per contraddittoria presenza (Appendino), per dissidenza dal vertice (Pizzarotti), per rodomontesca eccezione (Nogarin). Roma, Torino, Parma e Livorno sono la prova che il Movimento 5 stelle è un partito da laboratorio dell’Isola del Dottor Moreau (H.G. Welles) che si sconfigge facendo politica, uscendo dallo sloganificio nel quale loro sono imbattibili. L’antipolitica ha un solo grande e temibile avversario: la politica. Il caso siciliano è notevole per la piccolezza dei suoi protagonisti, la sciatteria perfino nel maldestro tentativo di “ricopiare” (stiamo fermi al generatore automatico di gaffe di Di Battista) e la rovinosa caduta di tutti: attivisti e dirigenti altolocati del partito (la deputata regionale Claudia La Rocca) presentano gli stessi sintomi, sono inadeguati anche quando si esercitano nella violazione delle regole dello Stato. E per soprammercato non hanno neppure il talento comico de I soliti ignoti. Sono senza talento.

 

E la bolla? Resta bolla se i partiti non mettono i grillini nella scomoda posizione di spiegarsi. Fare ironia sui forcaioli che si ritrovano al collo il cappio preparato per gli altri è un attimo, un like su Facebook, ma conquistare il cuore e la mente degli elettori vuol dire parlare di queste vicende con serietà e responsabilità. Se i grillini tirano su la ghigliottina, tu non fai sfilare il plotone d’esecuzione, ma marchi la differenza tra l’idrofobia manettara e chi difende lo stato di diritto e la politica. Copiare dal compagno di banco e falsificare il libretto delle giustificazioni da bambini era una cosa gravissima. Figuriamoci da grandi. Guidare il paese? Ma dove? Ma quando? Si sono proposti come portavoce dei fessi e si sono fatti beccare come i peggiori dei furbi. Devono tornare tra i banchi di scuola e se sbagliano, dietro la lavagna. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ar1ar50

    19 Novembre 2016 - 12:12

    Parole più che condivisibili. E sacrosante quelle di "lupimor". Ma il problema sta proprio qui. Come convincere un grillino vero? Come parlarci ? Mai provato a parlare con un vegano talebano, con una mamma anti vaccini, con un complottista di vario genere ? E' da pazzi e dopo vari tentativi ti senti stupido solo a provarci. Non mi arrendo ma non ho fiducia. Purtroppo.

    Report

    Rispondi

  • patriciovivarelli

    19 Novembre 2016 - 10:10

    Caro Sechi,lei e' un grande!!!

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    19 Novembre 2016 - 02:02

    Dobbiamo farlo, è necessario, doveroso, ma ritrovarsi ad occuparsi con argomenti seri del M5S, fa cadere le braccia. Lo sconforto riguardo allo spessore della cultura politica e non solo, di tanti nostri connazionali, è enorme. Il M5S non è l'emblema virtuoso dell'antipolitica, è solo un esempio dei livelli infimi, truffaldini, irresponsabili, demagogici, cui può cadere chi si proclama "onesto".

    Report

    Rispondi

  • luciano_avogadri

    19 Novembre 2016 - 00:12

    E come non condividere? Immaginiamo solo se PD o Forza Italia avessero al loro vertice un Di Maio o un Di Battista. Chi lo sentirebbe il Crozza? Chi li sentirebbe i vari Floris, Paragone, piazzisti o gabbisti di tutto il mondo? Eppure li hanno già qui, e per rompere i cabasisi agli altri fano finta di non accorgersi delle nullità lunari di questi personaggi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi