Inchiesta sulla Tav a Firenze, prosciolto Ercole Incalza

Gli ex dirigenti del ministero delle infrastrutture Ercole Incalza e Giuseppe Mele sono stati prosciolti dal gup di Firenze Alessandro Moneti nell'ambito della maxi inchiesta sui lavori Tav a Firenze, per cui invece è stata rinviata a giudizio, ma alleggerita di molte accuse, la ex presidente della Regione Umbria e di Italferr Maria Rita Lorenzetti insieme ad altre 20 persone, delle 33 inizialmente indagate e sei società
Inchiesta sulla Tav a Firenze, prosciolto Ercole Incalza

Gli ex dirigenti del ministero delle infrastrutture Ercole Incalza e Giuseppe Mele sono stati prosciolti dal gup di Firenze Alessandro Moneti nell'ambito della maxi inchiesta sui lavori Tav a Firenze, per cui invece è stata rinviata a giudizio, ma alleggerita di molte accuse, la ex presidente della Regione Umbria e di Italferr Maria Rita Lorenzetti insieme ad altre 20 persone, delle 33 inizialmente indagate e sei società.

 

“Sono stato prosciolto o archiviato in 14 inchieste ma i giornali si bevono qualsiasi cosa gli viene detta dalle procure”, raccontava Ercole Incalza al Foglio la scorsa estate. [Leggi qui tutta l'intervista di Annalisa Chirico]

 

Nell’ambito dell’inchiesta, relativa ai lavori di sotto-attraversamento, in tunnel, di Firenze della linea ferroviaria Tav, per Incalza e Mele il gup Moneti ha emesso sentenza di non luogo a procedere "per non aver commesso il fatto" riguardo all’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e all’abuso di ufficio nell’esecuzione dell’appalto.

 

Incalza mi ispira fiducia. Pistaroli e lobby pettegole meno, scriveva un anno fa Giuliano Ferrara parlando della corruzione “quasi inevitabile” dei burocrati (giudicata da un treno in corsa ad alta velocità).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi