Quanto è vicina la guerra dell'Iraq contro il Kurdistan

La vita quotidiana procede pressoché impassibile, ma la presenza a Kirkuk delle milizie paramilitari e dell'esercito iracheno è sempre più pressante 

Quanto è vicina la guerra dell'Iraq contro il Kurdistan

Kirkuk. Militanti dell'Isis arrestati dai peshmerga curdi. Foto LaPresse/Reuters

Il Kurdistan è da anni un osservatorio (coinvoltissimo) privilegiato per gli avvenimenti travolgenti del vicino oriente e per quelli di gran parte del resto del mondo, che vi è accanitamente implicato. In questi giorni è l’osservatorio più appropriato e più coinvolto per seguire lo scoppio di una guerra. La guerra in questione sta per essere mossa, annunciano tutte le fonti, dall’Iraq contro il Kurdistan colpevole di aver svolto un referendum in cui ha chiarito di desiderare l’indipendenza (sic!): più precisamente,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giancarlo.pierobon

    13 Ottobre 2017 - 18:06

    Sarebbe bello e giusto che per una volta la ns. sinistra fosse il lievito per un appoggio chiaro e concreto del ns. Governo nei confronti del Kurdistan; ma resto scettico ci sono gli americani dietro ai curdi e quindi silenzio tombale.

    Report

    Rispondi

Servizi