È tempo che l’Europa cammini sulle proprie gambe (ed eviti Putin)

Ma buona parte dell’Europa "politica" sa immaginarsi solo come certe lussuose mantenute

È tempo che l’Europa cammini sulle proprie gambe (ed eviti Putin)

Francia, la visita di Vladimir Putin a Versailles (foto LaPresse)

A parte lo scetticismo climatico e un deliberato ottimismo per incoraggiamento, vedo come Giuliano la necessità e l’opportunità, se non ancora la probabilità, che l’Europa cammini sulle proprie gambe, come dice la signora Merkel. Ammesso che il mondo esca tutto intero dal passaggio di Trump, è difficile che gli Stati Uniti tornino a essere con gli alleati europei “come prima”. Non lo erano più già prima. Buona parte dell’Europa “politica”, quella prodotta da un’ormai lunga selezione alla rovescia, sa immaginarsi solo come certe lussuose mantenute di romanzo maschile ottocentesco, che lasciate dal barone di qua riparavano in fretta dal marchese di là. Da quel villano rifattissimo – ho appena guardato le fotografie di Versailles – di Putin, il protettore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • efis.loi

    31 Maggio 2017 - 22:10

    Dopo qualche secondo di troppo, ho capito che "il villano rifattissimo" sia Putin. Il problema da risolvere, rimane sul quando sia iniziata la selezione alla rovescia. Essendo lunga, si può pensare alla caduta del muro. Però, anche l'avvento di Berlusconi è di poco più recente. Che abbiano un rapporto, le due cose?

    Report

    Rispondi

Servizi