"Era sempre stato un ragazzo a posto"

Imparava a memoria i versi del Corano, con grande ispirazione. Poi qualcosa è cambiato, è successo di colpo, come se da un giorno all’altro fosse diventato un’altra persona. E' morto al concerto di un'attricetta

"Era sempre stato un ragazzo a posto"

Due ragazze rendono omaggio alle vittime dell'attentato di Manchester (foto LaPresse)

Un suo vicino, che volle restare anonimo, raccontò: “Era sempre stato un ragazzo a posto. I suoi genitori lavorano sodo, non sono particolarmente religiosi, il minimo, la moschea il venerdì, il digiuno. Lui però era devoto fin da bambino. Era un po’ svogliato a scuola ma si distingueva per la tenacia con cui imparava a memoria i versi del Corano, avreste dovuto vedere con che ispirazione li recitava. La sua devozione era evidente in ogni dettaglio, a cominciare dall’abbigliamento. Era irreprensibile, teneva gli occhi bassi, sorvegliava le sorelle".

 

"Quando i suoi due compagni più stretti erano partiti per la Siria era stato combattuto, poi aveva deciso di rimanere, ma in cambio si prodigava nella raccolta di fondi. Insomma, niente poteva far sospettare di lui. E’ successo di colpo, come se da un giorno all’altro fosse diventato un’altra persona. Si è tagliato la barba, andava in giro vestito come un giocatore di pallone, guardava la gente in faccia e gli era venuto anche un sorriso allegro, allarmante. Dalla sua finestra si sentivano uscire certi rumori alti di canzoni, di rock duro, come lo chiamano, o anche sentimentali, sensuali. La gente scuoteva la testa, qualcuno ne parlò a suo padre, delicatamente, pover’uomo, per non offenderlo. Si pensò anche di segnalarlo alle autorità. Ma gli passerà, dicevano, sono sbandate che succedono, il mondo è uscito fuori dai suoi cardini. Chi poteva immaginare che finisse così, morto a poco più di vent’anni per assistere al concerto di un’attricetta, dicono che aveva un poster di lei in camera sua, Dio lo perdoni”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • efis.loi

    26 Maggio 2017 - 23:11

    Vada per il pari.

    Report

    Rispondi

  • efis.loi

    25 Maggio 2017 - 22:10

    Mi pareva ci fosse qualcosa a non quadrare. Comunque: 2 a 1, si vince noi. So che non ama vincere. Ha sempre perso. Come me. Io, però, vorrei vincere l'ultima ma ho una paura birbona.

    Report

    Rispondi

  • servizio

    25 Maggio 2017 - 19:07

    Non commento mai i commenti, però il tipo di cui ho scritto non era autore dell'attentato. Il contrario, esattamente.

    Report

    Rispondi

    • servizio

      26 Maggio 2017 - 01:01

      Sono Adriano Sofri, e questo commento era il mio.

      Report

      Rispondi

  • efis.loi

    24 Maggio 2017 - 19:07

    Beh, se con questo vuol dire che la fede smuove le montagne, non è il primo. Ci siamo già passati ma, sarà stato per l'antidoto della radice greca o per la fede un tantino diversa, quelle scorciatoie per il paradiso non le abbiamo mai prese.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi