Quelle foto dei bambini gasati in Siria

In questi giorni, fra i commenti sul punto della pubblicazione o no delle fotografie, qualcuno sostiene che pubblicarle voglia dire mancare di riguardo ai genitori e ai parenti dei bambini

Quelle foto dei bambini gasati in Siria

Foto LaPresse

Cara Annalena, che bella pagina avete fatto. Ti ringrazio del tuo partecipe intervento, e anche di aver sollecitato Daniele Raineri a scrivere su guerre e bambini. Non si usa nel giornalismo corrente, ma io non sono giornalista, tanto meno corrente, e vorrei dire che, essendo pochissimo o niente invidioso, in fondo al suo articolo ho sentito, non che mi sarebbe piaciuto averlo scritto io, ma che mi era davvero piaciuto averlo letto io, e l’ho riletto e lo raccomando. In questi giorni, fra i commenti sul punto della pubblicazione o no delle fotografie, qualcuno sostiene che pubblicarle voglia dire mancare di riguardo ai genitori e ai parenti dei bambini. Sono di persone magari molto sensibili ma che non sanno di che cosa parlano. Copio per loro e per tutti il brano pertinente del pezzo di Daniele: “Di recente in Iraq mi hanno portato a una fossa comune, diciotto corpi avvolti nelle coperte (ma diciannove morti perché una donna era incinta, ha detto un anziano della famiglia che era lì) aspettavano stesi vicino a un bulldozer che stava scavando la terra. I parenti avevano deciso per la fossa comune perché non potevano fare tombe singole. Tutti uccisi dalla stessa esplosione, non si sa se dello Stato islamico o degli aerei. Appena i familiari hanno visto le macchine fotografiche, hanno alzato di colpo i lembi di una coperta, c’era una bambina di non più di otto anni, capelli ricci, tutta annerita. Vedi i segni dell’esplosione? Poi quando provi a proporre le immagini ai media rispondono che non mettono foto di morti, figurarsi di bambini uccisi. Però ci sono”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi