Perché sarebbe giusto mostrare le foto dei bambini gasati in Siria

Secondo Adriano Sofri quelle foto dovremmo vederle e mostrarle: evitarle è un solo un altro dei lussi ipocriti che ci permettiamo

Perché sarebbe giusto mostrare le foto dei bambini gasati in Siria

foto LaPresse

Cara Annalena del Figlio, io penso questo: che fra l’intelligenza, lo sdegno e la commozione che prendono chi abbia letto gli articoli, guardato i video e le foto e ascoltato i commenti sul bombardamento chimico di Khan Sheykhun, e l’intelligenza lo sdegno e la commozione che prendono chi abbia visto una sola delle fotografie della distesa di cadaveri di bambini gasati, ci sia un abisso. Penso che il pudore e la premura con cui noi trattiamo materie come queste, materia come i cadaveri non smaltiti in un forno dei bambini siriani, gli avvisi di cui riempiamo i nostri post in rete – sempre più allarmati e allarmanti, sempre più simili alle comiche scritte sui pacchetti di sigarette assassine – siano un altro dei lussi ipocriti che ci permettiamo, fino a che potremo ancora permettercelo. Passerà del tempo, e potremo guardarle e farle guardare, quelle immagini, ormai in via di prescrizione. Pensa a come i ragazzini guardano, quando gli capita, le cataste di cadaveri delle fosse di Bergen Belsen o di Auschwitz, quelli che non passarono per il camino. Ieri quasi nessuno ha pubblicato quelle foto, e fra chi l’ha fatto ci sono certo anche i peggiori, gli stessi che sguazzano nelle foto piccanti e per gli stessi motivi, e però in qualche servizio televisivo sono passate alcune immagini dello sterminio di Halabja curda, con i corpi di umani e altri animali sparpagliati dovunque li abbiano trovati i gas, nelle posizioni in cui i gas li trovarono – perché gli ammazzati dai gas vengono fermati così, in altrettante Pompei di mano umana. Occorre rispetto, certo, per lo scandalo che possono dare ai fanciulli, ma quanto a noi quelle foto bisogna vederle e mostrarle. Penso così, dopo averci molto pensato, tutta la vita, più o meno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    05 Aprile 2017 - 20:08

    Caro Sofri, non è una critica, ma l'uomo è impossibilitato a fare "quello che è giusto". Cosa?! Semplice: nei millenni il concetto di "giusto" è sempre stato una variabile "contingente" adottata di volta in volta da una delle parti in gioco. Le foto e i filmati e i libri e la propaganda, sempre in sintonia colla convenienza. Punto. Capisco, comprendo e condivido l'anelito di raddrizzare il "legno storto". Beh, sarebbe indispensabile che ciascuno iniziasse " a raddrizzare se stesso" Impossibile: il must universale è raddrizzare gli altri. Ab aeterno.

    Report

    Rispondi

  • fabriziocelliforli

    05 Aprile 2017 - 19:07

    Intanto, io prego. Forsennatamente.Grazie.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    05 Aprile 2017 - 18:06

    e perchè solo bambini ? forse donne e uomini più avanti con l'età sono figli di un dio minore e la loro morte è annotata solo per gli annunci mortuari ? quale misteriosa alchimia ha stravolto la mente degli occidentali da imporre loro come tragedia primaria sola morte di bambini ? quando la morte di donne e maschi impedirà loro in eterno di dare alla luce a nuove vite ? Certo la mente dalla caverna nel progresso di tempo ai paesi più progrediti ,così detti, è sempre più somigliante al formaggio con i buchi ? Formaggio di plastica of course.

    Report

    Rispondi

Servizi