"Zingare" ai semafori del Kurdistan

La primavera arriverà il 21, il giorno del Newroz, il capodanno curdo, ma è già arrivata con le donzellette dei semafori e i loro mazzolini di narcisi profumati

"Zingare" ai semafori del Kurdistan

Foto di Kurdish culture via Twitter

Ai semafori di Suleymaniah donne e bambini siriani o arabi iracheni sfollati chiedono l’elemosina inventandosi piccoli commerci: i soliti, lavaggio di vetri, vendita di tovagliolini, accendini, semi, altre minuscole mercanzie non identificate. L’8 marzo aveva rivelato una inaspettata fornitura di rose rosse. Non c’è simpatia per questo accattonaggio organizzato, come da noi. Ci sono zuffe di ragazze, bambini più grandi che urtano o picchiano i più piccoli, donne interamente coperte di nero che alzano luttuosamente le braccia al cielo e hanno ai piedi una loro creatura. Però in questi giorni la merce più offerta è un mazzetto di narcisi selvatici, che qui crescono in gran numero e annunciano la primavera. Ufficialmente arriverà il 21, il giorno del Newroz, il capodanno curdo, ma è già arrivata con le donzellette dei semafori e i loro mazzolini di narcisi profumati. “Zingare!”, dicono gli automobilisti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi