Come si può essere favorevoli all’alimentazione forzata?

Mi dispiace molto che si sia tornati a discutere di idratazione e nutrizione

eutanasia

Walk around a Piazza Montecitorio per l'eutanasia nel 2014 (foto LaPresse)

Mi dispiace molto che si sia tornati a discutere di idratazione e nutrizione. Si tratta, vorrei dire al cardinale Bagnasco e alla posizione presa dal Foglio, della piccola differenza lessicale fra assistita e forzata. Come si può essere contrari all’alimentazione assistita? Come si può essere favorevoli all’alimentazione forzata? L’argomentazione del Foglio (se si vuole si muore prima, senza aspettare di morire di sete) è un cavillo piuttosto spinto. Terapia o no (certo che lo è) l’idratazione contro la volontà è una caritatevole variante di waterboarding, cui si deve poter dire: Preferirei di no.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gbattista

    22 Aprile 2017 - 11:11

    caro Sofri, conosco una mamma che alimentava suo figlio in stato vegetativo con coniglio, polenta e lasagne che lei stessa preparava, frullava e somministrava. Atto medico? GB Guizzetti

    Report

    Rispondi

Servizi