Il giustizialismo, la giustizia e la corda

Quanto a condanne o assoluzioni, chi se ne frega

cappio

foto di Global Panorama via Flickr

“Abbiamo utilizzato il giustizialismo come un surrogato alla battaglia per la giustizia. Per la giustizia sociale”. L’ha detto il ministro della Giustizia in carica, Andrea Orlando, all’assemblea del Pd, l’ho sentito io. L’assemblea, o comunque una sua parte – io ascoltavo, non vedevo – ha applaudito. Vorrei essere aggiornato sui tempi di prescrizione per il giustizialismo. Intanto tutto intorno si approfondiva la questione se unavocepocofà basti, o bisogni aspettare un avviso di garanzia, o se sia necessario un rinvio a giudizio – quanto a condanne o assoluzioni, chi se ne frega, giustamente. Sempre più corta si è fatta la distanza fra un autosospeso e un impiccato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi