I numeri dei miliziani dell'Isis uccisi

L’agenzia Afp ha raccolto le dichiarazioni di un funzionario americano, che vuole restare anonimo e si dice di sobria contabilità, secondo il quale nei due anni e mezzo di intervento in Iraq e in Siria la coalizione a guida americana ha ucciso 50 mila miliziani dell’Isis

isis iraq

Combattimenti contro l'Isis in Iraq (foto LaPresse)

L’agenzia Afp ha raccolto le dichiarazioni di un funzionario americano, che vuole restare anonimo e si dice di sobria contabilità, secondo il quale nei due anni e mezzo di intervento in Iraq e in Siria la coalizione a guida americana ha ucciso 50 mila miliziani dell’Isis. Calcoli come questo sono evidentemente aleatori, ma può darsi che la cifra si avvicini alla realtà. Nel qual caso, essendo la guerra di mezzo mondo contro l’Isis tuttora in corso in Iraq e in Siria, il bilancio del funzionario anonimo dice due cose opposte. Per un verso, vuole dire che l’azione della coalizione è stata efficace e risoluta, avendone fatto fuori un simile numero. Per il verso opposto, vuol dire che il reclutamento dell’Isis – di combattenti, non di collaboratori e simpatizzanti – è stato e rimane, pur alle strette, enorme. Enorme.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    10 Dicembre 2016 - 16:04

    Se il numero di morti, sempre una cosa riprovevole, anche uno, è in relazione al miliardo e mezzo di musulmani nel mondo non è una percentuale enorme: la cosa enormemente riprovevole è l'origine della guerra e cioè quando una religione diventa cieca fede e sete di vendetta.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    10 Dicembre 2016 - 15:03

    Non ci credo. Ma neanche!!!!!

    Report

    Rispondi

Servizi