Soluzione unica per i problemi dei sondaggi e della democrazia

Soluzione unica per i problemi dei sondaggi e della democrazia

Un seggio negli Stati Uniti (foto LaPresse)

C’è un problema, ormai stagionato, con la democrazia, che esige qualche ritocco. E c’è un problema, ormai stucchevole, coi sondaggi e la loro inattendibilità. Una semplice misura può risolvere i due problemi in una volta. I risultati delle elezioni vengano letti come sondaggi sullo stato d’animo della gente in quel giorno, senza impegno, e ai sondaggi del giorno prima sia assegnato il valore che oggi si attribuisce ai voti nelle urne. Ne usciranno perfettamente accreditati i sondaggi e la democrazia. Il Regno Unito resterà in Europa, Hillary sarà la prima donna presidente degli Stati Uniti, e tutti sapremo il giorno dopo che mostruoso rischio abbiamo corso. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi