I capelli del peshmerga

Sto scrivendo dei lunghi reportage dal Kurdistan per l’Unità. Per farmi perdonare un poco vi mando questa fotografia, che ho scattato oggi al peshmerga.
I capelli del peshmerga

Con una certa ingratitudine nei confronti del Foglio, che mi ha sempre ospitato senza chiedersi il perché, ma con una certa insuperabile fratellanza verso Sergio Staino, che si è imbarcato in un’impresa delirante, sto scrivendo dei lunghi reportage dal Kurdistan per l’Unità. Per farmi perdonare un poco vi mando questa fotografia, che ho scattato oggi al peshmerga mentre i suoi compagni maggiori benevolmente ridevano dicendogli: “E’ per i tuoi capelli”. Lui era serissimo, e ha annunciato: “I Daesh muoiono di paura quando vedono i miei capelli”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi