Traditori e rinnegati

Caro Massimo Recalcati, ho una sola obiezione alla tua denuncia della caccia al traditore.
Traditori e rinnegati

Cattura di Cristo o Presa di Cristo nell'orto, Caravaggio, 1602

Caro Massimo Recalcati, ho una sola obiezione alla tua denuncia della caccia al traditore: non è stalinista. Stalin innovò formidabilmente in quantità. Ma la paranoia e la superstizione del traditore era già connaturata a certe sinistre quando prese un nome più squisito, quello del rinnegato. (Il rinnegato Kautsky ecc.). Il rinnegato dà al traditore qualcosa in più di subdolamente sacrilego, e non a caso ha un’origine religiosa. Tutte le religioni dogmaticamente costituite hanno odiato e perseguitato i loro transfughi ben più accanitamente che gli infedeli in genere. Lo fanno oggi reciprocamente i fanatici sunniti e sciiti. Lo stesso Giuda diventò il prototipo del traditore e il bersaglio dell’antigiudaismo cristiano perché fu propriamente un rinnegato. Cordiali saluti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi