Assolutezza e radicalità

Per distinguere fra assolutezza e radicalità non occorre rileggere ogni volta Simone Weil
Assolutezza e radicalità

foto Forest Runner via Flickr

Per distinguere fra assolutezza e radicalità non occorre rileggere ogni volta Simone Weil e Hannah Arendt. L’assolutezza è ottusa, dice: “Senza se e senza ma”, dice: “Assolutamente sì!”, “Assolutamente no!”. La radicalità dice, come lo scrivano Bartleby: “Preferirei di no”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi