Guerra o no, in Italia c'è diseducazione alla polizia internazionale

Giovedì ho ascoltato il discorso di Matteo Renzi al “Dialogo mediterraneo”, l’ho trovato molto buono, e ne sono stato insoddisfatto. Io non ritengo essenziale che i Tornado italiani si uniscano o no a quelli della coalizione che bombardano. Ritengo ridicolo che si rivendichi la mancata partecipazione diretta ai bombardamenti, e ancora peggio si deplorino i bombardamenti.
Guerra o no, in Italia c'è diseducazione alla polizia internazionale

Giovedì ho ascoltato il discorso di Matteo Renzi al “Dialogo mediterraneo”, l’ho trovato molto buono, e ne sono stato insoddisfatto. Sempre giovedì sono state diffuse le riprese del Predator italiano sui territori occupati dall’Isis in Iraq, servite a segnalare bersagli ai raid aerei. Io non ritengo essenziale che i Tornado italiani si uniscano o no a quelli della coalizione che bombardano. Ritengo ridicolo che si rivendichi la mancata partecipazione diretta ai bombardamenti, e ancora peggio si deplorino i bombardamenti, quando si fa una propria parte perché avvengano e raddrizzino la mira.

 

Matteo Renzi sa benissimo che quei bombardamenti sono stati e sono necessari, a salvare vite, a fermare l’avanzata dell’Isis, a costruire le condizioni di un recupero. Quando dice di voler fare quello che è giusto, e non di compiacere i “commentatori”, deve anche sapere di stare dispiacendo forse a qualche ardito dell’ultima ora, ma di stare compiacendo a una gran parte di sprovveduti che si credono pacifisti e credono che l’Italia si stia dissociando dall’azione armata. Cioè di puntare alla botte piena e al cognato ubriaco.

 

Renzi ha detto – ovviamente – che la priorità è la distruzione dell’Isis. Bene. Tutte le cose giuste che dice sull’impegno culturale e sull’umanità da tenere a cuore verso i migranti – prodotto della violenza impunita di Bashar el Assad e dell’Isis e confratelli – hanno poco o niente a che vedere con la distruzione dell’Isis, salvo che le si assegni qualche decennio. E ripetere che “le armi da sole non possono bastare” è una buona idea, a condizione di trovare qualcuno che sostenga seriamente che “le armi da sole bastano”. Renzi, in questo in vastissima compagnia, ma da lui ci si aspetterebbe una soggezione minore a pregiudizi ideologici, vuole trascurare una condizione decisiva: che in Italia, quanto e più che nel resto d’Europa, si è propagandata una “educazione alla pace” che, piuttosto che insegnare ad aborrire e prevenire le guerre, è diventata sempre più, fino alla giaculatoria, una diseducazione alla tutela della legalità internazionale e alla difesa di popoli e minoranze perseguitate. Una diseducazione alla polizia internazionale. Cui le ripetute generiche frasi contro “i bombardamenti” carezzano il pelo. Quanti ne conoscete che amino “i bombardamenti”? E se gli americani, e qualcun altro in coda a loro, non avessero deciso “i bombardamenti” su Ninive e il Sinjar in cui Renzi denunciò il genocidio in corso, chi li avrebbe decisi? Il nostro Predator avrebbe avvistato gli scherani al lavoro e ne avrebbe compilato un album fotografico per gli archivi del genocidio? Ora alla “guerra” siamo arrivati: la guerra infatti esiste dal momento in cui ci si rassegna a chiamarla così. I nemici l’hanno chiamata così da sempre, perché la loro è una vera “educazione alla guerra”. Dio non voglia che dalle nostre parti non diventi indispensabile promuovere corsi accelerati di “rieducazione alla guerra”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi