Il Bataclan e Israele

Caro Giuliano, pubblicando il testo di “Kiss the Devil”, temo che ti sia sfuggito il legame fra il Bataclan e gli stessi Eagles of Death Metal, e Israele. Anch’io me ne intendo troppo poco e vedo che il loro primo album si intitolava “Peace, Love, Death Metal”. Vedo che non sono una band Death Metal
Caro Giuliano, pubblicando il testo di “Kiss the Devil”, temo che ti sia sfuggito il legame fra il Bataclan e gli stessi Eagles of Death Metal, e Israele. Anch’io me ne intendo troppo poco e vedo che il loro primo album si intitolava “Peace, Love, Death Metal”. Vedo che non sono una band Death Metal. Che lo scorso luglio sono andati a suonare a Tel Aviv mandando a farsi fottere le raccomandazioni del movimento per il boicottaggio di Israele. Così stando le cose, è un po’ come se mentre Giosuè Carducci proclamava: “Salute, o Satana, o ribellione, o forza vindice della ragione!”, una gang di farabutti avesse aperto il fuoco sull’uditorio. Dopo, qualche mano commossa avrebbe scritto, come si legge sul piedistallo della République, “Il diavolo è invidioso di Parigi”. Non c’è dubbio che certi risvegli siano tremendi. Mi chiedo per esempio come debbano sentirsi quei coglioni di black bloc da quando hanno fatto irruzione sugli schermi gli uomini neri del sedicente Califfato coi loro coltelli da cucina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi