Mettete dei fiori nei vostri cannoni

I Giganti, Sanremo 1967. Non era del tutto realistico. Però segnalo qui che a Suleymaniah e provincia, nel Kurdistan cosiddetto iracheno, si sono svolte nei giorni scorsi numerose manifestazioni di dipendenti pubblici, insegnanti, sanitari, perfino peshmerga,
“Mettete dei fiori nei vostri cannoni”: i Giganti, Sanremo 1967. Non era del tutto realistico. Però segnalo qui che a Suleymaniah e provincia, nel Kurdistan cosiddetto iracheno, si sono svolte nei giorni scorsi numerose manifestazioni di dipendenti pubblici, insegnanti, sanitari, perfino peshmerga, non pagati da luglio: le manifestazioni sono diventate violente, hanno dato luogo all’assalto e all’incendio di alcune sedi del Kdp, il partito di Barzani alla testa della regione, e sono state represse con altrettanta violenza, con un bilancio di 4 morti, e fra loro un adolescente, e molti feriti. Bene, a Suleymaniah un peshmerga, inviato in servizio di ordine pubblico, si è presentato nella strada con un fiore infilato nella canna del suo fucile, dichiarando: “Io faccio questo mestiere per andare al fronte e combattere contro l’Isis, e non voglio perdere nemmeno un’ora a fronteggiare i miei concittadini”. Metteteli ’sti fiori nei vostri cannoni, almeno quando ve li girano dalla parte sbagliata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi