Se fossi in Erdogan sarei spaventatissimo

Com’è noto, chi semina vento raccoglie tempesta. Ma se fossi Erdogan, sarei spaventato di vedere che i tifosi della Turchia nella partita della nazionale contro l’Islanda rifiutano di osservare il minuto di raccoglimento per le cento vittime di Ankara, e invece le insultano, cantano, gridano slogan
Com’è noto, chi semina vento raccoglie tempesta. Ma se fossi Erdogan, sarei spaventato di vedere che i tifosi della Turchia nella partita della nazionale contro l’Islanda rifiutano di osservare il minuto di raccoglimento per le cento vittime di Ankara, e invece le insultano, cantano, gridano slogan cosiddetti religiosi e sciovinisti. Secondo Erdogan e il regime turco, i curdi non esistono, esistono solo i turchi. Secondo i suoi tifosi, il modo per non far esistere i curdi è di ammazzarli tutti, e cantarci sopra una canzone. Se fossi Erdogan, sarei spaventatissimo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi