Incendio e dopo incendio

Sono passato davanti a un palazzo in fiamme. Sotto c’erano i vigili del fuoco, ai balconi dei piani superiori gli inquilini, il fuoco divampava ai piani bassi.
Sono passato davanti a un palazzo in fiamme. Sotto c’erano i vigili del fuoco, ai balconi dei piani superiori gli inquilini, il fuoco divampava ai piani bassi. C’era uno stallo, finché una signora del quinto piano ha gridato: “Scusi, signor pompiere, le dispiacerebbe aprire quel cazzo di idrante che tiene in mano e provare a spegnere l’incendio?”. E lui, risentito: “Stia calma, signora, e misuri le parole. Non pretenderà mica che apra la manetta dell’idrante senza uno straccio di progetto sul dopo!”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi