Orbán e il muro

Orbán è esasperato dal ritardo nella costruzione del muro. Ha licenziato il ministro della Difesa e ordinato che un congruo numero supplementare di muratori.  

Orbán è esasperato dal ritardo nella costruzione del muro. Ha licenziato il ministro della Difesa e ordinato che un congruo numero supplementare di muratori kosovari, yemeniti e nigeriani vadano a lavorare alla frontiera. Dall’altro lato.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi