I musei e Palmyra. Confronti da pazzi

Io sono così ossessionato dalla guerra universale che vedo gonfiarsi e rompere la crosta in punti sempre più numerosi, da sentirmi, non dirò come Cassandra, ma come quei pazzi che non riescono a capacitarsi che gli altri non vedano quello che è evidente davanti ai loro occhi, e si disperano – e c’è
Io sono così ossessionato dalla guerra universale che vedo gonfiarsi e rompere la crosta in punti sempre più numerosi, da sentirmi, non dirò come Cassandra, ma come quei pazzi che non riescono a capacitarsi che gli altri non vedano quello che è evidente davanti ai loro occhi, e si disperano – e c’è solo da sperare che siano pazzi. Questo allarmato e scandalizzato stato d’animo impedisce di guardare anche alle cose più comuni, a quelle che il proprio prossimo prende per le più comuni, senza sentirle deliranti. Così ieri, confrontando le nomine dei nuovi direttori di musei italiani e la discussione che le accompagnava con la decapitazione dell’archeologo capo di Palmira. E’ un confronto da pazzi, certo. Da pazzi?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi