Rostagno di notte

Sabato notte – molto notte, mezzanotte era passata – è stata trasmessa da Rai3 la prima di due puntate sul processo trapanese per l’assassinio di Mauro Rostagno
Sabato notte – molto notte, mezzanotte era passata – è stata trasmessa da Rai3 la prima di due puntate sul processo trapanese per l’assassinio di Mauro Rostagno, avvenuto il 26 settembre 1988. Sabato prossimo, ufficialmente alle 23 e 55, sarà trasmessa la seconda puntata. La prima era intitolata “Una storia italiana”, la seconda è intitolata “Io so’ pazzo”. Roberta Petrelluzzi è brava, il processo – di primo grado, concluso l’anno scorso, a 26 anni dall’omicidio – è stato lunghissimo e pieno di diramazioni e depistaggi, cosicché non era facile condensarlo senza disperdere l’attenzione dello spettatore. Non è un caso, d’altra parte, che a 11 mesi di distanza dalla sentenza (che ha condannato due esponenti di Cosa Nostra, già all’ergastolo, uno come mandante e uno come esecutore) non siano state ancora pubblicate le motivazioni – questione di giorni, si dice. Vedremo alla fine. Per ora, continuando a usurpare il famoso spirito di Mauro, diremo che non gli sarebbe dispiaciuto andare in onda così di notte, e gli sarebbe piaciuto molto andarci la notte del 25 aprile: una liberazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi