Tunisi

Può darsi che i jihadisti di Tunisi abbiano scelto il museo perché era accanto al Parlamento, perché era più accessibile, perché offriva un gran numero di ostaggi inermi, e perché assicurava uno scenario più spettacolare alla loro impresa.
Può darsi che i jihadisti di Tunisi abbiano scelto il museo perché era accanto al Parlamento, perché era più accessibile, perché offriva un gran numero di ostaggi inermi, e perché assicurava uno scenario più spettacolare alla loro impresa. Ma guardare tante persone inermi, bambini donne uomini anziani, accucciate sotto i meravigliosi mosaici romani, evocava di nuovo l’accostamento fra il terrore improvviso e i monumenti, l’odio e la strage dei vivi e delle belle arti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi