IL FOGLIO .it - Direttore Giuliano Ferrara
I blog del Foglio

A che ora è la fine del mondo

Scrive padre Gabriele Amorth nel libro appena uscito "L'ultimo esorcista" (Piemme):

"La lotta tra il bene e il male è misteriosamente iniziata all’inizio del mondo e non terminerà se non quando il mondo avrà fine. La battaglia è quella ordinaria: gli uomini tutti i giorni lottano contro il proprio peccato. Ma è anche straordinaria: l’azione di Satana che possiede le persone è senz’altro un’azione straordinaria contro la quale gli esorcisti sono chiamati a stare in prima linea. Poi ci sono i suoi tentativi di sconvolgere il pianeta, le guerre, i popoli e le nazioni".

"La sacra scrittura si apre da subito con l’irruzione del male nel mondo. La Genesi parla del peccato originale, della prima divisione che ha lacerato il mondo. Il peccato originale è un mistero dentro il quale non è facile entrare. Noi sappiamo solo una cosa: c’era un prima, una condizione privilegiata nella quale gli uomini godevano dell’incorruttibilità. E c’è un dopo: la nostra condizione di mortali, di uomini destinati a morire e a vivere i nostri anni sotto il potere del grande nemico, Satana".

"La visione di Papa Leone XIII questo ci dice. Ma ci dice anche che la storia dell’umanità non è tutta uguale. Ci dice che il nostro tempo è un tempo particolare. È il tempo in cui a Satana è concesso di sferrare un attacco più duro e violento di altre volte, probabilmente il suo ultimo e definitivo attacco".

"Che le cose stiano in questo modo l’ha confermato anche la Madonna a Medjugorje. È dal 1981 che la Madonna appare a Medjugorje. Si tratta di apparizioni sulle quali la chiesa ancora non si è espressa. Ma per me, lo dico senza paura, sono apparizioni vere e presto, io credo molto presto, tutto si svelerà nella sua potente luminosità".

Pubblicato su palazzoapostolico.it mercoledì 22 febbraio 2012

di Paolo Rodari

Sito certificato Audiweb

Web Design: Vai al sito di Area Web     Hosting: Vai al sito di Bluservice     Advertising: Vai al sito della divisione WebSystem del Sole 24 Ore

Se preferisci vedere questa pagina ottimizzata per iPhone clicca qui