LA LUCE SUGLI OCEANI

di Derek Cianfrance, con protagonisti Michael Fassbender, Alicia Vikander

“The Danish Girl”, il film sopravvalutato agli Oscar 2016 (ebbene sì, l’anno scorso i transgender appassionavano più dei neri). “Florence”, il film con Meryl Streep che divinamente stona le arie liriche. “Pets - Vita da animali”, il film che promette di rivelare cosa fanno i gattini e i cagnolini mentre siete fuori casa, e vola davvero quando arriva il coniglietto batuffoloso che parla con lo slang dei neri criminali. “American Pastoral”, il brutto film tratto dallo spettacolare romanzo di Philip Roth con lo stesso titolo, però tradotto. Per tutti, una bella colonna sonora firmata da Alexandre Desplat: o lavora giorno e notte o si fa aiutare da qualcuno. Il compositore prediletto da Wes Anderson - non è sparito, sta lavorando al nuovo film d’animazione “Isle of Dog”- firma anche le musiche di questo sciagurato polpettone. Non è sinonimo di melodramma, come molti credono (cercate tra i critici che durante il film hanno singhiozzato). Esistono melodrammi fantastici che a Derek Cianfrance devono essere sfuggiti, non ha fatto bene i compiti come Damien Chazelle con i musical. Il regista di “Blue Valentine” - un po’ meno melodramma, ma moderno e decisamente meglio riuscito - adatta un romanzo dell’australiana M. L. Stedman (Garzanti). Siamo su un’isola, brutto segno: “L’eclisse” di Michelangelo Antonioni piantò il seme del pregiudizio, cresciuto fino a “Respiro” di Emanuele Crialese. Sull’isola c’è un faro, nel faro vive Michael Fassbender, in esilio volontario per dimenticare gli orrori della prima guerra mondiale. Dura poco: lo raggiunge nello sprofondo oceanico la sposina Alicia Vikander, tutto si è combinato in pochi minuti per lasciare spazio al dramma. Vorrebbero un bambino, lei li perde e li seppellisce sotto una croce. Finché una mattina vedono una barchetta alla deriva, e nella barchetta c’è una paffuta bambina (neanche un graffio, neanche il moccio). Lei ordina cuffiette e vestitini, lui si sbarazza del cadavere adulto che era a bordo. Grande felicità, fino al momento del battesimo. Nel cimitero della chiesa, una signora a lutto si tormenta per la sua piccina scomparsa. Vikander e Fassbender a pari merito insopportabili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi