SILENCE

di Martin Scorsese, con Andrew Garfield, Liam Neeson, Adam Driver, Issei Ogata, Yoshi Oida

Abbiamo pregato perché il nuovo anno portasse con sé almeno un film per spettatori adulti (esaminata la lista delle prossime uscite, nulla era garantito se non supereroi e seguiti). Martin Scorsese ha esaudito le nostre preghiere. “Silence” parla di Fede e non di Forza, già un bel progresso. Se uno vuole credere in qualcosa, prima dei cavalieri Jedi con le spade laser c’era parecchio materiale spirituale tra cui scegliere (fine del commento che farà arrabbiare i fan di “Star Wars”, ci abbiamo fatto l’abitudine). Con qualche ripetizione e qualche tocco kitsch, “Silence” racconta i gesuiti che portarono il cristianesimo nel Giappone feudale, i primi missionari arrivarono a metà del 1500 e furono espulsi con un editto nel 1614. Qualcuno rimase, a rischio della vita. A volte anche della sanità mentale (man mano che il film procede, ricorda il colonnello Kurtz in “Cuore di tenebra” di Joseph Conrad). Padre Ferreira, per esempio: se ne sono perse le tracce a Nagasaki e le voci dicono “abiura”. Non ancora: lo stanno torturando con acqua bollente e i mestolini bucati. Seguiranno altre sevizie creative: i samurai sono decisi a estirpare la malapianta. Da qui il dialoghetto teologico tra l’inquisitore Inoue e Sebastian Rodrigues, uno dei due gesuiti portoghesi che nel 1643 si fece contrabbandare in Giappone per salvare il soldato di Cristo Padre Ferreira. “Silence" parte magnificamente: i due trovano un villaggetto di cristiani, vengono accolti come divinità (il locali si privano del già scarso cibo, “siete voi il nostro nutrimento”), ascoltano confessioni di cui non capiscono una parola. I 46 milioni di dollari spesi, il romanzo di Shusakdu Endo (Corbaccio), un giapponese strepitoso come Issei Ogata aiutano, e quasi fanno dimenticare le facce troppo moderne dei gesuiti Andrew Garfield e Adam Driver (Liam Neeson è perfetto). I giapponesi hanno la mano pesante, e la voce di Dio non si sente mai. “Speriamo che almeno ascolti le nostre sofferenze”, ripetono tutti, giacché un segno non arriva. E se non fosse fede, ma umana troppo umana ostinazione, o superbia o arroganza? Quanti cristiani devono morire, per rispetto di un’immagine sacra?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    18 Gennaio 2017 - 17:05

    Sono settantamila anni che l'uomo sapiens sapiens aspetta Dio e questo non si vede. Diremmo è latitante se esistesse davvero. Morire per qualcosa in cui si crede è grande e ne vale la pena. Ma rimaniamo nell'umano per carità nostra e non di Dio.

    Report

    Rispondi

    • mristoratore

      19 Gennaio 2017 - 18:06

      il problema è se far morire altri, non se stessi, per la propria fede. Credo che un Cristiano non possa non dire che Dio giudicherà - noi non possiamo farlo. Un non cristiano non può che privilegiare la vita, questa vita, propria e altrui.

      Report

      Rispondi

  • carlo.trinchi

    18 Gennaio 2017 - 17:05

    Sono settantamila anni che l'uomo sapiens sapiens aspetta Dio e questo non si vede. Diremmo è latitante se esistesse davvero. Morire per qualcosa in cui si crede è grande e ne vale la pena. Ma rimaniamo nell'umano per carità nostra e non di Dio.

    Report

    Rispondi

Servizi