MAI COSI VICINI

MAI COSI VICINI

Commedie del “remarriage”. Eran le trame con i coniugi litigiosi in zona divorzio: lei si trovava un altro fidanzato, il marito non si levava di mezzo e guerreggiava con il terzo incomodo, la coppia si ricostituiva nella scena finale. Gli attori di riferimento erano James Stewart e Cary Grant, si giravano negli anni d’oro di Hollywood, quando il pubblico del cinema era più giovane di adesso. Con “Voglia di tenerezza”, “Qualcosa è cambiato”, “Tutto può succedere” abbiamo visto entrare in scena un’altra forma di “remarriage”, con signore e signori più maturi per protagonisti. Segni particolari: caratteraccio e voglia di brontolare per lui (che di solito è Jack Nicholson); amarezza e rassegnazione per lei. In “Mai così vicini”, diretto da Rob Reiner venticinque anni dopo “Harry, ti presento Sally...”, sono Michael Douglas e Diane Keaton. Lui fa l’agente immobiliare, è rimasto vedovo, vorrebbe vendere la sua villa prima di ritirarsi. Chiede otto milioni di dollari e tratta male i clienti che chiedono sconti, dopo aver messo sulla mensola del caminetto una finta foto di famiglia rispettosa delle etnie: nera con i neri, cinese con i cinesi che in realtà sono vietnamiti e seccatissimi lo fanno notare. Lei faceva l’attrice, non ha figli, ora canta in un localino canzoni strappalacrime. Tutto ben apparecchiato perché dopo novanta minuti di scontri e battute velenose capiscano che sono fatti l’uno per l’altra. Complice una nipotina, lasciata dal figlio di lui che sta per andare in galera. Quindi si presenta da papà chiedendo aiuto e infrangendo la regola che si è dato: “mi faccio vivo in famiglia quando qualcuno muore oppure ogni dieci anni” (scopriamo poi che al funerale della madre il giovanotto era tanto ubriaco da crollare per terra, e anche la madre della piccina su quel fronte è pochissimo affidabile). Si sente la mancanza di Nora Ephron: una sceneggiatrice capace di inventarsi la scena “Voglio anch’io quel che ha ordinato la signora” non si trova a ogni angolo di strada. Supplisce Mark Andrus, cinico quanto basta. “Ho venduto case più vecchie e malandate di te” (Michael Douglas, quando si sforza di fare un complimento a Diane Keaton). “Una volta avevo un cane che mi metteva il muso tra le gambe, e mi sembrava più romantico di te” (Diane Keaton, quando Michael Douglas cerca maldestramente di farsi perdonare una mancanza di riguardo).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi