WHITE DEER PLAIN

Epica cinese, dal regista di “Il matrimonio di Tuya”. Tre ore per raccontare un villaggetto in mezzo ai campi di grano, dal crollo dell’impero nel 1910 all’invasione giapponese del 1938. A ogni cambiamento i paesani pensano che staranno meglio, le delusioni sono sempre più atroci. Due famiglie in lotta riassumono le forze in campo, ma i non cinesi dopo un po’ perdono il filo. Sfarzo, costumi, bravi attori e sesso (esplicito per gli standard locali) vanno sprecati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi